• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Giallo nell’ascolano: trovate ossa umane bruciate sul Monte dell’Ascensione

immagini-quotidiano-net

ASCOLI PICENO – A segnalare la presenza di ossa bruciate sul Monte dell’Ascensione, che sovrasta la città di Ascoli Piceno, è stato un pastore, allertato dal proprio cane.

Una volta che i Carabinieri di Ascoli sono giunti sul posto, i militari hanno trovato un braciere, di circa 30-40 centimetri, con cenere e diversi pezzi di ossa arse di varie dimensioni e, a pochi passi, tracce di sangue vicino a un casolare abbandonato. Sono quindi scattate le prime indagini e i primi accertamenti scientifici, condotti dai Ris di Roma.

Sebbene inizialmente fosse valutata l’ipotesi che i resti potessero essere animali, la strada oggi più probabile, secondo alcune indiscrezioni, è proprio quella dell’omicidio. Le ossa sarebbero infatti umane e, dai primi riscontri medico-legali, inoltre, di un soggetto di sesso maschile, anche se non è chiaro di quale ceppo etnico. Sulla vicenda, comunque, gli inquirenti mantengono il riserbo.

Le ossa sono state rinvenute in una zona isolata e difficile da raggiungere, nei pressi di un casolare disabitato di proprietà di una famiglia ascolana. Il rogo dovrebbe risalire a tre o a quattro giorni fa.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *