• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Sondaggi, Top News

SONDAGGIO: vota la “tua” impresa dell’anno!

Il 2016 è stato un anno ricco di grandi imprese alpinistiche e forse non ce ne siamo resi conto: sono state aperte vie su pareti difficili delle grandi montagne del mondo e sono state scovate nuove linee nelle montagne di casa, dove i più pensavano che tutto oramai fosse stato salito; è stato un anno in cui si è tornati all’avventura e all’esplorazione nelle terre selvagge del pianeta; c’è chi ha lottato con il freddo più intenso, chi ha ripetuto linee che sembravano impossibili e chi ha frantumato record che parevano impensabili.

Ognuna delle imprese che abbiamo selezionato è stata importante, ma vogliamo sapere da voi quale è la “vostra” impresa dell’anno, quale vi è piaciuta di più seguire, quale vi ha maggiormente emozionato o stupito o quale vi ha colpito anche solo dal punto di vista tecnico.

La prima ripetizione della Dawn Wall di Adam Ondra, nella Yosemite Valley;
La prima solitaria invernale sulla Torre Egger del canadese Marc-André Leclerc, in Patagonia;
La prima invernale del Nanga Pargat di Simone Moro, Alex Txicon e Ali Sadpara, in Kararorum;
La prima assoluta sulla parete est del Siula Grande di Didier Jourdain e Max Bonniot, nelle Ande peruviane;
La nuova via sul Cervino di Patrick Gabarrou, nelle Alpi;
Il record Snow Leopard di Andrzej Bargiel, sulle cime più alte tra quelle delle repubbliche ex sovietiche;
Le nuove linee aperte da Matteo Della Bordella, Matteo De Zaiacomo, Luca Schiera, Nico Favresse e Sean Villanueva, sull’Isola di Baffin;
La prima solitaria della via Infinite Spur sulla parete sud del monte Foraker di Colin Haley, in Alaska;
La vetta del Makalu di Nives Meroi e Romano Benet, in Himalaya;

La prima ripetizione femminile in libera della via Attraverso il Pesce di Federica Mingolla, in Marmolada;
– Il record su The Wave Effect e della Traversata del Torre da parte di Colin Haley e Alex Honnold, in Patagonia.

A voi ora la scelta!

 

Loading

Vota la “tua” impresa dell'anno!

Grazie per aver votato
Hai espresso il tuo voto (puoi votare solo una volta)
Selezionare una risposta prima di votare

 

Articolo precedenteArticolo successivo

12 Comments

          1. scrivi ad alpinist e chiedi se considerano il makalu nel 2016 come una delle prime dieci salite dell’anno. scrivi anche una delle prime 1000 e fammi sapere cosa ti rispondono

          2. Anzi, scrivi a alpenglow, sono amici. con 35000 dollari ti accompagnano in cima hai un livello advanced ma se gli dici alby ti fanno 30000. costano tanto permesso e cuoco e devi saper camminare forte

  1. Cara Paola Manga, il deceduto 53enne (di cancro) e’ stato
    Hassan Sadpara e non Muhammad Ali Sadpara, il primo
    alpinista sulla vetta del Nanga Parbat in inverno. Hassan
    e’ stato il piu’ noto alpinista pakistano, finora l’unico del
    Baltistan aver scalato 6 ottomila. Penso che Ali, non ancora
    40enne, col tempo lo superera’ di gran lunga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *