• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Nord America, Primo Piano

Free Zodiac, Jacopo Larcher e Barbara Zangerl nel “parco giochi” dello Yosemite

Per la Yosemite Valley lo scorso autunno è stata come una seconda primavera: moltissimi arrampicatori e tanti tentativi di vie in libera; tanto che “non si riuscivano quasi a distinguere le stelle dalle luci delle frontali”, parola di Jacopo Larcher.

Infatti, nella valle questo autunno, oltre ad Adam Ondra sulla Dawn Wall,  altri atleti si sono distinti in questo grande “parco giochi”: Sébastien Berthe sulla Heart Route e  Jorg Verhoeven su Dihedral Wall per esempio. Il sud tirolese Jacopo Larcher,  invece, ha ripetuto in libera Free Zodiac con Barbara Zangerl.

La via è stata aperta nel 1972 da Charlie Porter e in libera è stata fatta soltanto da Thomas e Alexander Huber nel 2003 e da Tommy Caldwell poche settimane più tardi. Quella di Jacopo e Barbara, quindi, è la terza salita in libera di questa via sulla parete sud-est. I due atleti hanno scelto Frontier poiché la più classica The Nose, data la sua difficoltà che la rende molto desiderata, e il loro obiettivo iniziale, Pre Muir, erano già molto trafficate.

Dopo aver studiato più  volte i tiri chiave, calandosi dall’alto, sono partiti per la scalata, che hanno potuto effettuare solo di notte e all’alba visto il caldo eccessivo per alcuni dei passaggi e che hanno completato dopo 5 giorni in parete.

Jacopo spera che il loro successo spinga altri a tentare la via, che definisce splendida seppur non avendo livelli di difficoltà elevati, ma avvisa: “parlando con Alex Honnold abbiamo scoperto che The Mark of Zorro è molto più duro ora, poiché ha spaccato una delle prese chiave provando il tiro infatti ci era sembrato durissimo come 5.12d!”

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *