• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Eiger: dopo 25 anni la prima ripetizione della leggendaria Metanoia

Era l’inverno del 1991 ed il forte e visionario alpinista statunitense Jeff Lowe apriva in solitaria, dopo 9 giorni sulla parete nord dell’Eiger, un’impressionante via, diretta, mai pensata, divenuta subito leggendaria.

Metanoia (7, M6, A4) la chiamò, una parola greca che significa “radicale mutamento nel modo di pensare, di giudicare, di sentire”.

Nonostante i tanti tentativi, la via non era mai stata ripetuta, fino agli ultimi giorni dello scorso dicembre. A riuscirci sono stati il tedesco Thomas Huber e gli svizzeri Stephan Siegrist e Roger Schaeli. Dopo un primo tentativo nei giorni precedenti a Natale, interrotto 70 metri a sinistra del Central Ledge a causa delle condizioni avverse, ed un secondo, iniziato il 28 dicembre, anche in questo caso abbandonato a causa di una tempesta, i tre alpinisti sono riusciti nell’impresa tra il 29 ed il 30 dicembre.

Un video pubblicato da Roger Schaeli (@rogerschaeli) in data:

“Con Metanoia – ha raccontato Huber a Planetmountain – Jeff (Lowe ndr) è stato in grado di dimostrare che è possibile realizzare le sfide impossibili solo con il cuore. Egli ha stabilito con la sua salita nuovi standard dell’alpinismo”.

Lo stesso Jeff Lowe, che oggi a causa di una malattia neuro-degenerativa è costretto sulla sedia a rotelle, si è espresso entusiasta della ripetizione: “Sono contento e soddisfatto che hanno trovato la via difficile, coraggiosa, bella e visionaria. […] Più di tutti Thomas comprende l’intenzione che avevo con quella salita, ossia tentare di creare un esempio di come gli alpinisti possano progredire con una consapevolezza dell’ambiente che onora lo spirito dell’alpinismo estremo”.

L’impresa straordinaria di Jeff Lowe è stata raccontata da Jim Aikman nel pluripremiato film “Jeff Lowe’s Metanoia”.

 

Related Post

Articolo precedenteArticolo successivo

3 Comments

  1. E intanto c’è chi si ostina a riempire di sherpa, elicotteri e corde fisse le montagne Jeff visionario e superiore, i ripetitori alpinisti con la tripla A di Alpinismo vero

    1. Con il massimo rispetto per tutti (Lowe e i recenti ripetitori in primis! ), direi che fare Alpinismo in Himalaya o sulle Alpi non sia proprio la stessa cosa: se nel bel mezzo della temibilissima parete nord dell’Eiger va storto qualcosa, se urli un po’ forte qualcuno che ti viene a prendere lo trovi di sicuro…

      1. Non se fa brutto tempo come è successo a Lowe che ha dovuto lasciare la zaino in parete e tentare il tutto per tutto forzando l’uscita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *