• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Paesaggi, Primo Piano

Anche la Via Francigena è ora su Google Street View

Dopo aver mappato le Orobie circa un anno fa, è di questi giorni la notizia che un’altra bellezza tutta italiana è stata inserita in Google Street Views: la Via Francigena.

Se ci siete stati e sentiti il nostalgia della spiritualità e della connessione con la natura che il tratto toscano della via Francigena vi ha offerto, o se vorreste andarci ma non avete ancora avuto modo, da oggi avete uno strumento in più per placare il vostro desiderio.

Infatti è ora possibile percorrere l’itinerario in maniera virtuale, partendo da Street View di Google Maps. Toscana Promozione Turistica ha mappato, grazie al Trekker Loan Program, il programma ideato da Google per consentire ad enti turistici, associazioni non profit, università, organizzazioni di ricerca o altre terze parti di prendere in prestito il Trekker, uno zaino tecnologico usato per le mappature a piedi di Street View. Alberto Peruzzini, direttore di Toscana Promozione Turistica, in occasione dell’incontro “La Francigena e i Cammini. L’impronta sostenibile della Toscana” ha speigato che «Questo progetto si inserisce nel più ampio panorama delle azioni di promozione e valorizzazione della Via Francigena Toscana che la nostra Agenzia assieme alla Regione sta portando avanti al fine di migliorare l’accessibilità e la fruibilità, anche attraverso gli strumenti messi a disposizione dalle moderne tecnologie online, dei territori interessati da questo percorso che attraversa tutta la Toscana».

Alcuni escursionisti, selezionati da Toscana Promozione Turistica, sono partiti il 14 novembre 2016 dal Passo della Cisa con lo zaino tecnologico di Google, dotato di 15 fotocamere per le riprese a 360 gradi, e hanno percorso in 10 giorni i 400 km dell’itinerario della Francigena toscana

A questo link è disponibile la gallery con le riprese ad alta risoluzione che ritraggono il tratto toscano della Via Francigena.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *