• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Arrampicata sportiva, Eventi, Primo Piano

IFSC: l’arrampicata alle Olimpiadi prende forma

Alla dodicesima assemblea generale dell’IFSC, la Federazione Internazionale di Arrampicata Sportiva, si è discusso delle problematiche dell’arrampicata sportiva per tracciare delle linee guida per le Olimpiadi di Tokyo 2020 che saranno utilizzate anche ai Giochi Olimpici della Gioventù a Buenos Aires nel 2018.

I temi principali sono stati l’uguaglianza di genere ed il formato olimpico. Rispetto a questo secondo tema in particolare l’Assemblea ha definito la maggior parte dei dettagli di come regolerà la competizione delle Olimpiadi, in modo da tutelare la concorrenza globale.

Nell’annuncio pubblicato dalla Federazione si legge che il formato a cui si è giunti è stato il frutto di un lungo lavoro a cui hanno partecipato sia i membri della Federazione, sia vari componenti del Comitato Olimpico Internazionale. Le medaglie saranno divise per uomini e donne e premieranno gli atleti che avranno ottenuto i migliori posizionamenti nelle varie discipline singole; i singoli risultati saranno poi sommati, ottenendo una classifica combinata. Gli eventi combinati e quelli singoli (speed, bouldering e lead) dovranno avere lo stesso formato stabilito per le altre gare dall’IFSC. Anche la sequenza delle gare singole dovrà rispettare un ordine preciso: primo sarà il turno della speed, poi quello di bouldering e, infine la gara lead. Saranno previste le qualificazioni e poi la finale. In ciascuna delle due fasi gli atleti dovranno gareggiare in tutte e tre le specialità ed avanzeranno coloro che otterranno il punteggio più basso, dato dal prodotto dei singoli punteggi per specialità. I primi sei classificati delle fasi di qualificazione (i primi 7 e 8 per la gara di speed per rendere possibile il format “a duello”) si sfideranno poi nel round finale che ancora prevederà tutte e tre le prove. Gli atleti che dopo la somma saranno in una posizione di parità verranno valutati in base alle rispettive posizioni nelle singole specialità. Dal punto di vista del programma invece si prevede che la disciplina dell’arrampicata verrà distribuita su 3 o 4 giorni e solo la finale sarà effettuata completamente in un solo giorno.

Riguardo infine ai metodi di classificazione per i giochi olimpici del 2020, il CIO rilascerà informazioni ufficiali solo a luglio 2017, ma alcuni principi sono stati suggeriti in modo che le singole federazioni nazionali possano strutturare le prossime stagioni. Per esempio saranno classificati due atleti per sesso per ogni nazione, potranno partecipare gli atleti con un tesseramento all’IFSC valido per tutta la durata delle Olimpiadi, i periodi di qualificazione saranno gli anni 2019 e  2020 e gli eventi ed i punteggi combinati saranno validi ai fine della classificazione.

Infine il Consiglio direttivo dell’IFSC, in vista delle Olimpiadi ha votato perché si spostasse il campionato mondiale negli anni dispari, a partire dal 2019.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *