• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Freestyle, Primo Piano, Sci

Usa, campione olimpico di freestyle si suicida

Jeret Peterson
Jeret Peterson

NEW YORK, Usa — Quella di Jaret Peterson è una brutta storia di eccessi e di depressioni, di alcool e di morte. Ma stavolta non arriva dal mondo della musica o dello spettacolo: ad esserne protagonista sono gli sport invernali, o meglio il freestyle, di cui Peterson era campione olimpico: aveva vinto l’argento ai Giochi di Vancouver.

Peterson si è suicidato qualche giorno fa vicino Salt Lake City, dopo essere arrestato e rilasciato per guida in stato di ebbrezza. Prima di spararsi un colpo di pistola, l’atleta 29enne ha chiamato la polizia per avvertirli che si stava per uccidere. Il suo corpo è stato trovato in una scarpata, vicino alla sua auto, con addosso una lettera di addio.

Soprannominato “speedy”, Peterson era famoso per l'”Uragano”, un trick (ossia un’evoluzione tipica del freestyle) composto da tre volteggi e cinque flip. Più volte espulso dalla nazionale per episodi collegati all’alcolismo, aveva vinto l’argento un anno e mezzo fa a Vancouver, ma il successo non era servito a nulla.

La sua tragica storia personale, partita con un’infanzia di abusi e proseguita con la morte della sorella per un incidente stradale e il suicidio di un amico davanti ai propri occhi, lo avevano portato ad una grave depressione da cui non era più riuscito a uscire.

 

Ecco il video del suo “Uragano”.

httpv://www.youtube.com/watch?v=AwGAP4-A6KM

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *