• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Film, Multimedia, Primo Piano

Jerzy Kukuczka, il trailer del nuovo film sul grande alpinista polacco

Jerzy Kukuczka (Photo Summitpost.org)
Jerzy Kukuczka (Photo Summitpost.org)

SOSNOWCU, Polonia — Un nuovo film sulla leggendaria figura di Jerzy Kukuczka. L’alpinista polacco, secondo uomo al mondo dopo Reinhold Messner ad aver scalato tutti i 14 ottomila, autore delle prime salite invernali del Kanchenjunga, del Dhaulagiri e dell’Annapurna, e di numerose vie nuove aperte sui 14 colossi più alti della terra, è protagonista del nuovo documentario di Jerzy Porebski.

Reinhold Messner, Krzysztof Wielicki, Kurt Diemberger, Carlos Carsolio, poi Celina e Wojtek Kukuczka, questi ultimi moglie e figlio del grande alpinista polacco. E’ attraverso il ricordo della famiglia e degli amici e illustri colleghi alpinisti che il regista polacco ha ricostruito la storia di Jerzy Kukuczka, morto nel 1989 sulla parete sud del Lhotse.

La sua cifra alpinistica si riassume in poche significative parole: stile alpino, nuove vie, prime salite in solitaria e invernali. Kukuczka è stato uno dei simboli del grande alpinismo esplorativo e dell’avventura estrema. Il suo ricordo torna oggi alla ribalta spesso in relazione alle nuove sfide invernali, in auge negli ultimi anni anche grazie ai successi di Simone Moro e Denis Urubko. “Potendo scegliere – diceva in un’intervista riportata nel film -, io preferisco sempre la via che nessuno ha mai percorso”.

Il film, scritto e diretto da Porebski, è stato prodotto quest’anno dall’Artica Production. Vi proponiamo di seguito il trailer in inglese.

 

Kukuczka trailer ENG from activelifedvd on Vimeo.

Articolo precedenteArticolo successivo

4 Comments

  1. LUI E’ STATO il piu’ forte di tutti i tempi,messner il piu’ grande(il polacco e’ mercx messner e’ coppi),la sola salita del pilastro sud nervatura centrale del k2 nell’ 86 con tadeusz piotrowski e’ qualcosa di irripetibile,forgiato dalla durezza della sua terra.

  2. Il film e stato mandato al 60.TrentoFilmfestival e al Museo Nazionale della Montagna, dunque magari ci sara possibilita di vederlo in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *