• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Recuperati i due giovani bloccati dalla neve su cima Portule

Cima Dodici, monte Trentin e Cima Portule (Photo courtesy of www.panoramio.com)
Cima Dodici, monte Trentin e Cima Portule (Photo courtesy of www.panoramio.com)

UPDATED – ASIAGO, Vicenza — Sono stati raggiunti e riaccompagnati a valle i due giovani escursionisti bloccati da ieri sull’Altopiano di Asiago. I due ragazzi erano partiti ieri nel tardo pomeriggio per un giro a Cima Portule: sorpresi da una bufera di neve, sono stati costretti a passare la notte in una grotta. Fortunatamente li hanno ritrovati incolumi.

I giovani sono due ragazzi veneti di 21 anni, che ieri intorno alle 18 erano stati accompagnati a Malga Larici, punto di partenza dell’escursione lungo il sentiero 209. Secondo quanto riferisce il Soccorso alpino, avevano in programma di passare la notte a Casara Trentin e scendere oggi verso Gallio, dove avrebbero trovato una macchina ad attenderli per rientrare. Ieri pomeriggio però sono stati sorpresi dal maltempo, soprattutto da una forte nevicata, che li ha impossibilitati a proseguire dal momento che i due erano sprovvisti dell’attrezzatura e di vestiti adeguati.

I due hanno quindi trovato riparo in una grotta, dove hanno passato la notte. Questa mattina attorno alle 8 hanno contattato telefonicamente il Soccorso Alpino per il recupero, in quanto la coltre di neve al suolo non permetteva loro di proseguire per tornare a valle. Le squadre di Asiago e di Borgo Val Sugana li hanno raggiunti sul versante nord di Cima Portule, nel gruppo di Cima Dodici.

I soccorritori li hanno trovati, incolumi, a circa 2.100 metri di quota: hanno portato loro bevande calde e una volta che si sono riscaldati li hanno imbragati e assicurati. Dopo aver fatto calzare loro i ramponi, le squadre li hanno calati di una ventina di metri in una zona più bassa rispetto al punto esposto in cui si trovavano, e poi da qui li hanno accompagnati lungo tutto il percorso di discesa a valle.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *