• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Una statua di Mike Bongiorno ai piedi del Cervino

Mike Bongiorno (Photo courtesy mylittlevespa.blogspot.com)
Mike Bongiorno (Photo courtesy Ansa.it)

CERVINIA, Aosta — Un mezzobusto di oltre due metri, che raffigura Mike Bongiorno mentre guarda verso la vetta del Cervino e porta una scritta con la sua storica esclamazione “Allegria!”. Questa la statua che il prossimo 8 dicembre verrà inaugurata nella piazzale della chiesa di Cervinia, nel pieno centro del paese valdostano.

La scultura, che verrà eretta su un basamento di pietra, è stata realizzata dall’artista monzese Guido Mariani. Cervinia omaggia così il noto presentatore tv, che era molto legato alla località valdostana e qui aveva trascorso numerose delle sue vacanze con gli sci. Bongiorno aveva anche portato in tv il Cervino, con la pubblicità di una nota marca di grappe durante la quale gridava “sempre più in alto” dalla vetta della montagna.

Cervinia, l’anno scorso, aveva anche chiesto di poter spargere le ceneri di Bongiorno sul Cervino, dopo che la moglie del presentatore aveva deciso di procedere alla cremazione in seguito al trafugamento e ritrovamento della salma dal cimitero. La richiesta però non aveva avuto seguito.

Bongiorno aveva sempre amato la montagna. Aveva cominciato a conoscerla durante la Seconda Guerra Mondiale, quando entrò a far parte dei gruppi partigiani e, grazie alla sua conoscenza dell’inglese, portava dall’Italia alla Svizzera messaggi per gli Alleati, attraversando le Alpi nel periodo invernale. Nel 1944 venne arrestato dalla Gestapo proprio mentre correva una di queste “staffette”. Doveva essere fucilato ma venne risparmiato grazie ai suoi documenti americani. Fu incarcerato a Milano, in cella con Indro Montanelli, e poi venne trasferito in campo di concentramento.

Articolo precedenteArticolo successivo

9 Comments

    1. la scultura di un uomo che per me potrebbe esssere anche il signor X è cosa ben diversa da una croce di vetta. sempre queste polemiche sterili nonchè inappropriati paragoni. concordo tuttavia che la statua di buongiorno è prorpio una pagliacciata.

      1. Se ha risposto così fuori bersaglio significa che la polemica non è poi così sterile.
        Comunque avevo indicato la luna, invece ha guardato il dito.
        Cordialmente.

  1. Ma basta con ste croci di vetta, vi fa sentire proprio tanto intelligenti tirarle in mezzo come il prezzemolo? bah, ridicolo. Comunque come fate a dire che Bongiorno era un signor x. Avete forse contribuito a creare la televisione italiana come lui? risparmiamoci critiche gratuite. Che non tutti meritano una statua, e Cervinia ha il diritto di omaggiare un persona importante come vuole.

  2. Probabilmente moglie e figli hanno pagato bene per fare una cosa simile. Ma allora per tutti i VERI alpinisti che hanno scalato il Cervino o ne hanno fatto la storia, senza elicottero e senza telecamere al seguito cosa farà Cervinia?Ormai siamo ridotti a valutare una persona in base alle volte che passa in TV o finisce sui giornali, se Cervinia è contenta della sua statua se la tenga pure stretta, ma mi piacerebbe sapere cosa ne pensano gli abitanti, sicuramente ci saranno quelli contenti “per il ritorno di immagine”, ma quelli che amano veramente la montagna non so fino a che punto possano apprezzare una simile iniziativa.Può darsi che comincino pure i pellegrinaggi alla statua, per chiedere miracoli o roba simile, non si sa mai…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *