• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota, Top News

Kangchenjunga sud, in vetta anche Nives Meroi e Romano Benet

Nives-e-Romano-Photo-courtesy-nivesmeroi.it_-300x195.jpg
Nives Meroi e Romano Benet  (Photo courtesy nivesmeroi.it)
Nives Meroi e Romano Benet (Photo courtesy nivesmeroi.it)

KATHMANDU, Nepal — Nives Meroi e Romano Benet sono andati in cima al Kangchenjunga il 17 maggio. Lo riferisce il blog della sorella di Nives, Leila Meroi, che informa delle vetta toccata intorno alle 12 di sabato. Un bellissimo ritorno sulle montagne più alte della terra per i coniugi dell’alpinismo italiano, che con questo raggiungono il loro 12esimo ottomila senza ossigeno.

Il Kangchenjunga è una montagna che riveste forse un significato particolare nella storia alpinistica di Nives Meroi e Romano Benet. Qui nel 2009 Benet si era sentito male ad oltre 7000 metri: alcuni malesseri, che l’alpinista si trascinava da tempo, peggiorarono di colpo in quota. Lui voleva che la moglie arrivasse comunque in cima, ma Nives si rifiutò. “Abbiamo sempre scalato insieme, salire da sola non avrebbe senso” spiegò più tardi. Tornarono a casa, e insieme intrapresero il difficile cammino di terapia durato diversi mesi.

A Benet era stata diagnosticata un’aplasia midollare severa e per guarire dovette subire 2 trapianti di midollo osseo e un lungo periodo di isolamento. Poi la guarigione, nel 2011 il ritorno all’alta quota e nel 2012 allo stesso Kangchenjunga, dove però non riuscirono ad arrivare in vetta. Non è andata così quest’anno, visto che la sorella ha potuto annunciare ieri sul suo blog la cima raggiunta da Meroi e da Benet il 17 maggio: è il loro 12esimo ottomila senza ossigeno, ora mancano solo Annapurna e Makalu.

I due coniugi hanno mantenuto il massimo riserbo sulla spedizione finora, e non si hanno al momento altre notizie. Lo scorso fine settimana, oltre a loro, a Carlos Soria e a Marco Camandona, sono andati in vetta al Kangche da sud anche il finlandese Samuli Mansikka, secondo Explorersweb scalando senza ossigeno, Martín Ramos e Jorge Egocheaga, quest’ultimo al suo 13esimo ottomila (mancandogli ora solo il K2).

Articolo precedenteArticolo successivo

7 Comments

  1. Complimenti a questi due grandi alpinisti che scalano le montagne senza clamore. Complimenti a Romano Benet per il suo coraggio e la sua forza ed a Nives Meroi per aver saputo rinunciare, a tutti e due per aver continuato a credere nella possibilità di tornare insieme sul Kangche. Questa è stata davvero una grande vittoria, su tutto.

  2. Mitici nel conciliare la vita di tutti i giorni e i suoi “imprevisti” con imprese di questo livello nel massimo riserbo. Un esempio da seguire !

  3. ma perche’ il “clamore” è visto come una cosa di cui vergognarsi?? questi non sono la rivelli che si mette nuda sui social sono 2 grandi alpinisti ed a condividere la loro soddisfazione e la loro storia non ci vedo nulla di male

  4. Tra il clamore e la notizia c’è una differenza, come tra la voglia di apparire a tutti i costi, che caratterizza le imprese (talvolta presunte tali) di diversi alpinisti, e la discrezione di Nives e Romano. Naturalmente la loro è una scelta, decisamente meno mediatica, che nulla toglie però alla gioia di comunicare la riuscita della salita e di condividerla con gli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *