• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Altopiano di Asiago, fermato e multato "cacciatore" di reperti della Grande Guerra

Sequestro_Attrezzi_Scavo_CFS-008_Life-655x437-300x200.jpg

VICENZA — Multa di mille euro e sequestro di radar, piccone e cimeli raccolti. Così la Guardia Forestale ha sanzionato un cercatore di cimeli della Grande Guerra sull’Altopiano di Asiago: l’uomo stava cercando i cimeli senza autorizzazione, usando un radar e un piccone per estrarli da sottoterra.

Il fatto è avvenuto nel Comune di Lusiana. Secondo quanto riferito dalla Forestale, erano due soggetti che stavano ricercando con il radar reperti della Grande Guerra. Solo uno però era in regola con l’autorizzazione regionale prevista per questa attività.

La legge precisa infatti che “l’attività di raccolta di reperti mobili e cimeli della Prima Guerra Mondiale ha ad oggetto i reperti mobili e i cimeli individuabili a vista o comunque affioranti dal suolo, recuperabili con l’uso delle mani o con il ricorso a mere movimentazioni di superficie, anche con l’utilizzo di attrezzature atte a localizzare, individuare e rimuovere i reperti mobili e cimeli, escludendo in ogni caso operazioni di scavo”.

Il soggetto multato aveva rinvenuto 9 monete e 2 bottoni risalenti al periodo della Prima Guerra Mondiale. Il materiale è stato sequestrato e trasmesso al sindaco.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *