• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Top News

Alpi francesi, 3 morti in valanga sugli Ecrins e 2 al massiccio del Dévoluy

Il-luogo-della-valanga-al-Col-Emile-Pic-photo-www.ledauphine.com_-225x300.jpg

UPDATED – BRIANÇON, Francia — Due distinti incidenti in cui hanno perso la vita 5 persone. Sono avvenuti ieri pomeriggio sulle Alpi francesi: una valanga di grandi dimensioni avrebbe travolto una decina di scialpinisti nel massiccio degli Ecrins, facendo 3 vittime e un ferito grave. Uno di questi, secondo gli ultimi aggiornamenti, sarebbe un italiano della Val Pusteria. Nel massiccio del Dévoluy sono morte altre due persone, pare per una caduta.

La simultaneità dei due incidenti ha creato non poca confusione nelle informazioni circolate da ieri sera sulla stampa internazionale e nostrana. E’ possibile infatti, che tra le vittime ci sia anche un italiano, notizia in attesa di conferme ufficiali. Gli incidenti quindi sono stati due, di cui il più grave quello avvenuto nel Massiccio degli Ecrins, dove una grande valanga ha travolto una decina di persone.

Il distacco è sceso intorno alle 15 di ieri al Col Émile Pic, alto circa 3500 metri. Una decina di scialpinisti, per lo più di nazionalità austriaca sono stati travolti intorno a 3200 metri, poco sopra il rifugio degli Ecrins. Tre i morti: secondo gli ultimi aggiornamenti si trattava di 2 austriaci e un italiano. Quest’ultimo, secondo il quotidiano L’Alto Adige, sarebbe un uomo della Val Pusteria.

Gli altri 7 scialpinisti salvatisi hanno trascorso la notte al rifugio dal momento che le condizioni meteorologiche non permettevano il rientro. Questa mattina dovrebbero essere scesi a piedi o in elicottero. Il vento infatti, con raffiche fino a 80 chilometri orari, ha ostacolato le operazioni di soccorso svolte dal Peloton de gendarmerie de haute montagne e dai Vigili del fuoco di Briançon.

Un secondo incidente è avvenuto poi nel massiccio del Dévoluy, dove sarebbero morti altre due persone che si trovavano sulla montagna per sciare in fuori pista. Non è chiara però al momento la dinamica dei fatti.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *