• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Mostre, Primo Piano

Ararat, una mostra e una serata al Cai Milano

Ararat-photo-Avitya-wikipedia-commons-300x244.jpg

MILANO — Si inaugura martedì prossimo 7 aprile nella sede del Cai di Milano una mostra dedicata al monte Ararat, la cima di oltre 5000 metri situata nella Turchia orientale. La galleria delle foto scattate da Paolo Miramondi, che ripercorre un trekking svoltosi nell’estate 2014 sulle tracce del popolo armeno, verrà presentata alle 20:45 in via Duccio di Boninsegna: interverranno Pietro Kuciukian, Console onorario della Repubblica Armena, il giornalista Lorenzo Cremonesi e Baykar Sivazliyan, Presidente dell’Unione Armeni d’Italia.

Ararat è un vulcano con due coni che sorge isolato in una pianura sita mediamente a 800 metri che rende ancora più imponente l’elevazione fino a quasi 4.000 metri della cima del piccolo Ararat e a 5.138 metri della cima principale. Ancora di più Ararat è montagna sacra per diversi popoli e culture e in particolare è luogo identitario negato al popolo armeno che da queste terre fu deportato dall’impero ottomano con l’esito drammatico di un genocidio di cui ricorre il 24 aprile prossimo il 100° anniversario.

Il monte Ararat nell’estate del 2014 è stato meta di un affascinante trekking compiuto dalla Commissione Escursionismo della Sezione di Milano del Cai. Il viaggio ha segnato un percorso di scoperta e di approfondimento che Paolo Miramondi racconta nella mostra fotografica allestita nella sede di via Duccio di Boninsegna e visitabile fino al 24 aprile. L’occasione della ricorrenza, e la possibilità di raccontare il trekking anche attraverso uno sguardo consapevole alla storia drammatica che ha sradicato 100 anni fa questo popolo dalle sue terre d’origine, è stata occasione per organizzare una serata di inaugurazione, aperta a tutti. Interverranno Pietro Kuciukian, Console onorario della Repubblica Armena, il giornalista Lorenzo Cremonesi e Baykar Sivazliyan, Presidente dell’Unione Armeni d’Italia.

Related Post

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *