• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Mostre, Primo Piano

"Marmolada Grande Guerra": il museo record a 3000 metri inaugura a giugno

foto_01-300x209.jpg

BELLUNO — Per celebrare il Centenario della Prima Guerra Mondiale, sabato 27 giugno in Marmolada, luogo simbolo dei cruenti scontri tra l’esercito italiano e quello austro-ungarico, è in programma la cerimonia di inaugurazione del nuovo museo Marmolada Grande Guerra. L’evento sarà riservato alla stampa e ai rappresentanti delle istituzioni pubbliche e museali mentre dal giorno successivo, domenica 28 giugno, il museo aprirà anche al grande pubblico.

L’ubicazione del museo Marmolada Grande Guerra resta sempre la stessa, al centro della Zona Monumentale Sacra nella stazione di Serauta a quota 3000 metri, facilmente accessibile a tutti utilizzando la funivia della Marmolada che parte da località Malga Ciapela, ma lo spazio espositivo già esistente è stato triplicato e completamente rinnovato.

Il nuovo progetto museografico, frutto di una notevole raccolta di reperti e cimeli e di un approfondito studio dei documenti storici, ha l’obiettivo di tramandare la memoria, far rivivere e comprendere le difficoltà di una guerra combattuta non solo tra uomini, ma anche tra questi e le insidie dell’alta montagna, attraverso un allestimento strutturale e grafico di grande impatto emotivo e un approccio narrativo esperienziale che racconta la guerra sulla Marmolada valorizzando l’aspetto umano.

Grazie a un percorso interattivo e multisensoriale, i visitatori potranno quindi immedesimarsi in modo estremamente realistico nelle situazioni estreme vissute dai soldati a oltre 3000 metri di quota tra neve, gelo, valanghe, grandi sacrifici e immensa fatica.

Il museo Marmolada Grande Guerra sarà inoltre dotato di un bookshop e di una sala ristorante-self service con vista panoramica sulle Dolomiti e 120 posti a sedere. Un vero e proprio punto di riferimento a livello internazionale per ricercatori, storici, appassionati di montagna, studenti, famiglie e operatori turistici.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *