• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Sci, Top News

Alpi, in bici e sugli sci sulle tracce di Heini Holzer

Cardelli-e-Dallapozza-photo-White-Spirit-facebook-300x158.jpg

POZZA DI FASSA, Trento – Spostamenti in bici, poi risalite e discese ripide con gli sci, ripercorrendo alcune delle storiche imprese di Heini Holzer, lo “spazzacamino estremo” di Merano. È questo il progetto delle Guide alpine Tommaso Cardelli e Cristian Dallapozza: partiti il 14 aprile dalla Val di Fassa, hanno già affrontato la Nord di Punta Penia, la parete est della Palla Bianca, la Nord Est del Gran Zebrù e la Nord del monte Pasquale.

Heini Holzer è stato un alpinista italiano, pioniere dello sci estremo, con molte prime discese sulle Alpi. Occupato come spazzacamino a Merano, iniziò a scalare con i fratelli Messner negli anni ’60 in Dolomiti, poi scoprì lo sci ripido apprendendo la tecnica da autodidatta: tra le prime discese da lui compiute spiccano quelle della parete nord del Piz Palü del 1972, dello Sperone della Brenva sul Monte Bianco nel 1973, della Nord dell’Aletschhorn e del Gran Paradiso nel 1975. Morì il 4 luglio 1977 tentando la prima discesa della parete nord est del Piz Roseg, nel massiccio del Bernina. Non è chiaro esattamente quale sia stata la causa della morte, anche se è possibile che sia caduto per la rottura di un attacco.

Heini Holzer
Heini Holzer

Proprio quegli attacchi e quegli sci hanno visto da vicino Tommaso Cardelli e Cristian Dallapozza pochi giorni fa, visitando il museo di Messner a Solda. I due trentini infatti, si trovavano nel paese altoatesino per affrontare una delle discese di Holzer, quella al Gran Zebrù.

Cardelli e Dallapozza sono partiti a metà aprile da casa. Finora hanno affrontato la parete nord di Punta Penia, la parete est della Palla Bianca, la Nord Est del Gran Zebrù e la Nord del monte Pasquale. Il loro giro durerà in totale una ventina di giorni e dovrebbe concludersi a Chamonix, meteo permettendo.

Tommaso Cardelli e Cristian Dallapozza sono entrambi Guide alpine, maestri di sci e tecnici del Soccorso Alpino. Hanno all’attivo numerose discese nel massiccio del Pordoi, Marmolada, Sassolungo e Monte Bianco.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *