• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Medicina d'alta quota, Primo Piano

“A spasso con Luisa”, la montagna ritrovata dopo un trapianto di organi

Canto-Alto-foto-Luigi-Chiesa-wikipedia-commons-300x200.jpg

BERGAMO – Si chiama “A spasso con Luisa” ed è un progetto che ha lo scopo di portare o riportare in montagna persone che hanno subito trapianti d’organi. Organizzato sulle Orobie in collaborazione con il Cai di Bergamo, prevede una serie di escursioni domenicali tra aprile e giugno. La prossima è prevista per domenica 26 aprile: destinazione Canto Alto con partenza da Olera.

Come recita il comunicato ufficiale, il progetto ha lo scopo di “ristabilire la confidenza del trapiantato nelle proprie risorse fisiche e a misurare con idonei test i possibili miglioramenti nelle condizioni fisiche e del benessere psicofisico”. Rientra nell’ambito del programma sperimentale “Trapianto e adesso sport”, promosso dal Ministero della Salute e diffuso nelle varie regioni in forma capillare.

La città di Bergamo per riavvicinare tutti i pazienti che hanno subito un trapianto d’organo alla pratica sportiva propone percorsi che prevedono l’accesso a cime e rifugi accessibili a tutti, con l’accompagnamento del Cai. Il programma è organizzato con la supervisione della USSD Coordinamento prelievo e trapianto di organi e tessuti diretto dal dott. Mariangelo Cossolini, la collaborazione della USC Medicina dello sport diretta dal dott. Giacomo Poggioli, della USSD di Psicologia clinica della AO Papa Giovanni XXIII di Bergamo diretta dalla Dott.ssa Maria Simonetta Spada e dei Centri trapianto di rene, fegato e cuore della AO Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

La prima gita si è svolta il 12 aprile al Pizzo Formico. La seconda invece è in programma per domenica prossima 26 aprile al Canto Alto, con partenza da Olera. La successiva sarà il 10 maggio al rifugio Gherardi e monte Sodadura, poi il 24 maggio si andrà al Rifugio Alpe Corte e al Passo Branchino. Infine a giugno, il 7 la meta sarà la Baita Golla, il 21 il Rifugio Albani e il 27 e 28 escursione finale pernottamento al rifugio Laghi Gemelli.

Nel caso in cui il meteo non consentirà l’escursione, i partecipanti al progetto sono comunque impegnati a sostituire l’attività mancata con un’altra attività a propria scelta nel sabato o domenica successivi.

 

Info escursioni

Related Post

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *