• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Eventi, Primo Piano

Valtellina, una serata per discutere sul futuro del turismo

bormio-terme-300x225.jpg

BORMIO — Un confronto senza filtri tra gli operatori e gli attori che si occupano di turismo in Valtellina: un tema “caldo”, che rappresenta il futuro delle nuove generazioni. L’incontro, promosso da Valtellina Turismo Mobile, si terrà presso la sala culturale di Bormio Terme, giovedì 14 maggio 2015, alle ore 20.30 (ingresso libero).

I sei relatori, moderati da Stefano Barbusca de “La Provincia di Sondrio”, focalizzeranno il proprio intervento su uno specifico argomento, nel tentativo di toccare i principali temi del settore. A discutere del tema saranno Michele Comi, guida alpina e ideatore Melloblocco (turismo e natura); Renato Fuchs, presidente Bormio Terme (termalismo); Maurizio Gandolfi, manager e albergatore (eventi); Michael Kirchner, direttore Bregaglia Turismo (turismo montano); Giuseppe Rainoldi, titolare casa vinicola Aldo Rainoldi (enogastronomia); Giorgio Zini, destination manager (promozione).

L’obiettivo è riunire e far discutere degli opinion leader per una serata che si annuncia frizzante e rivolta a chiunque abbia voglia di confrontarsi su un tema sempre più importante per il futuro delle nuove generazioni valtellinesi.

“Da quando, due anni fa, ho pubblicato Valtellina Turismo Mobile, ho avuto la possibilità di ascoltare tanto e tanti sul turismo valtellinese – spiega Sandro Faccinelli Valtellina Turismo Mobile -. Soprattutto ho avuto l’opportunità di capirne meglio le dinamiche grazie ai tanti messaggi di turisti e operatori che hanno voluto parlare con VTM. Ne avrei voluti incontrare di più, ma non è facile fare comunicazione, a maggior ragione se turistica, in provincia di Sondrio. Però ventiquattro mesi sono stati sufficienti per avere chiaro che il turismo in Valtellina ha almeno una persona ogni mille abitanti che se ne occupa “istituzionalmente”. Il risultato non poteva che essere la troppa politica nel turismo, a discapito di politiche per il turismo e rappresentanza. Ma enti e aziende sono fatti di persone ed è la loro qualità e preparazione che fanno la differenza. Anche per questo ho pensato di invitare in una tavola rotonda pubblica alcuni protagonisti del turismo e dell’economia delle nostre valli, che hanno tanto da dire, non necessariamente nella stessa direzione, sui pregi della Valtellina turistica, ma anche sui mali che l’affliggono, forti della loro esperienza e autorevolezza”.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *