• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Esteri, Primo Piano

Terremoto Nepal: i villaggi di montagna devastati e isolati

3-300x225.jpg

KATHMANDU, Nepal — Ha raggiunto i 5000 morti il bilancio del terremoto che sabato 25 aprile ha devastato il Nepal. Se nei primi giorni a colpire l’attenzione dei media erano state la distruzione della capitale di Kathmandu e la valanga che ha spazzato via mezzo campo base dell’Everest, ora sale la paura per le migliaia di villaggi himalayani, tagliati fuori dalle comunicazioni e dai collegamenti stradali, quasi completamente distrutti dalle scosse.

“La situazione è terribile nei villaggi di montagna – dicono i funzionari locali dei distretti più remoti -. Le persone non hanno cibo e non trovano rifugio. I report che stiamo ricevendo dicono che questi villaggi sono distrutti per il 70% o addirittura il 90%. Da lì non si riesce nemmeno a comunicare”.

“E’ davvero una brutta situazione in Nepal – ha scritto un collaboratore nepalese dei ricercatori EvK2Cnr da Chaurikharka -. La maggior parte degli abitanti è sopravvissuta, anche se ci sono stati dei morti. Ma sono crollate quasi tutte le case, il 90%, e i lodge che ospitavano i turisti. Siamo tutti molto abbattuti, spaventati e ci viene solo da piangere. Se qualcuno può fare qualcosa per aiutarci, ne saremmo felici, se possibile”.

Nel villaggio di Khumjung, nella Valle del Khumbu, si registra ben il 99% di case danneggiate che necessitano manutenzione immediata. Situazione analoga a Lobuche. Sembra invece migliore di come appariva dai primi report la condizione del villaggio di Namche Bazaar, il principale della valle.

Nelle prossime ore ulteriori aggiornamenti.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *