• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
La foto del giorno, Top News

Il Monte Bianco protagonista della foto panoramica più grande del mondo

mb-300x119.jpg

COURMAYEUR — Porta una firma italiana la foto panoramica più grande del mondo, che stampata occuperebbe 100 metri per 30. L’autore è Filippo Blengini ed il soggetto sono le cime del Monte Bianco, immortalate a 360° mettendo a fuoco anche i dettagli: canali di ghiaccio, pinnacoli di roccia, alpinisti e sciatori. Il Guinness dei Primati sta certificando la richiesta.

La foto è stata scattata a 3.440 metri di altitudine, all’arrivo della Nuova funivia del Monte Bianco, al confine tra Italia, Francia e Svizzera. Postata sul web, ha già totalizzato oltre 1 milione di visualizzazioni. Per vederla, clicca qui.

“Sono un ingegnere e un fotografo amatoriale. Per cinque anni, ogni mattina, partivo da Courmayeur e raggiungevo il cantiere più alto d’Europa, quello delle nuove funivie e me lo trovavo davanti, in tutto il suo splendore: il Monte Bianco. L’ho fotografato spesso, ma ero sempre insoddisfatto: come catturare in una foto tutta quella incommensurabile bellezza, e le emozioni che mi trasmetteva? Poi mia moglie Alessandra e io abbiamo avuto una grande idea”.

Così Filippo Blengini, autore della fotografia più grande del mondo racconta come è riuscito, con l’aiuto della moglie, abile “cacciatrice di sponsor”, e di un team, a realizzare il famoso scatto a 360° sul Monte Bianco. Dopo mesi di postproduzione, il risultato è una foto che se fosse stampata in dimensioni reali, occuperebbe 100 metri di lunghezza per 30 di altezza.

Filippo Blengini ha scelto come soggetto il versante italiano del Monte Bianco, sopra Courmayeur, come protagonista di uno scatto che entrerà nella storia: un panorama unico, che nel tempo ha ispirato alpinisti, esploratori, scrittori e artisti. Un susseguirsi di ghiacciai, crepacci, seracchi, distese di neve su cui si elevano pinnacoli e creste di roccia, balconi naturali e pareti vertiginose, che compongono un quadro quasi astratto nella sua eterea bellezza. Non solo, anche per la sua vocazione internazionale: dalla vetta più alta d’Europa lo sguardo spazia tra Italia, Francia e Svizzera.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *