• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Itinerari, L'approfondimento

Alba sulle Dolomiti e colazione in baita: escursioni da non perdere in Val Pusteria

Attachment-1-300x140.jpg

RIO PUSTERIA, Bolzano — Ammirare l’alba da speciali punti panoramici e di fare una ricca prima colazione in baita è un’esperienza fuori dal comune che vale la pena provare. Una meta straordinaria, in questo senso, è la piattaforma panoramica degli ‘omini di pietra’ Stoaner Mandl, in cima al comprensorio di Valles/Jochtal nell’area vacanze Sci & malghe Rio Pusteria, in Alto Adige. Ecco questa ed altre escursioni da non perdere per vivere l’alba sulle Dolomiti.

Il sole sembra vincere a poco a poco l’umidità e la foschia della notte, tingendo il cielo di un chiarore diffuso. Le cime attorno si accendono. Dal blu al rosa, dall’arancio quasi al giallo. L’aria è piuttosto frizzante, per non dire freddina. Un’atmosfera mistica… Sono sensazioni uniche quelle che si vivono arrivando in quota poco prima dell’alba. E poi quando il sole finalmente sorge, e lentamente illumina anche le vallate, facendo risaltare il verde intenso dei prati e i colori delle fioriture, ecco che scatta la voglia di camminare ancora. Meglio se dopo una prima colazione tipica in baita a base di uova, yogurt, latte, formaggi e marmellate di propria produzione!

L‘Area vacanze Sci & malghe Rio Pusteria, in Alto Adige a cavallo fra Valle Isarco e Val Pusteria, è ideale per escursioni in quota in ambiente selvaggio e grandioso, ma mai troppo estremo.

L’incontaminato scenario alpestre di Maranza-Valles e dell’Alpe di Rodengo, nell’area vacanze Sci & malghe Rio Pusteria in Valle Isarco (formata da Rodengo, Rio Pusteria, Valles/Jochtal, Maranza/Gitschberg, Spinga e Vandoies/Val di Fundres), è ideale per la più classica e intramontabile attività di un soggiorno estivo in montagna, le escursioni a piedi, grazie ai suoi plateau di altitudine, alle distese di boschi e prati splendidamente protesi sulle vallate, alle ben 30 malghe aperte dove gustare la cucina contadina e recuperare la dimensione più autentica della montagna.

Ma in più, con alcune opportunità particolari, come le escursioni all’alba in tutta sicurezza, grazie anche a sentieri larghi e sicuri. La partenza, per godere al massimo degli spettacolari giochi di colore, deve essere al massimo alle 4 e mezza, meglio se dotati di lampada frontale per la prima mezzora. Una levataccia, ma ne vale la pena!

Una meta straordinaria, in questo senso, è la piattaforma panoramica degli ‘omini di pietra’ Stoaner Mandl, in cima al comprensorio di Valles/Jochtal. I primi 800 metri di dislivello possono essere superati con l’ausilio della cabinovia Jochtal (ogni venerdì aperta alle 4.15 – 4.30 apposta per la salita prima dell’alba, gratuitamente per i possessori dell’Almencard o Almencardplus). Poco oltre la stazione a monte si raggiunge il punto panoramico degli ‘omini di pietra’, sorta di colonnine costruite dai contadini e dagli escursionisti, con i caratteristici sassi piatti che si trovano in gran numero sul posto. Rappresentano un vero e proprio segno del paesaggio, e al contempo un simbolo della cultura locale.

Da non dimenticare, la piattaforma panoramica con tavola esplicativa a 360 gradi posta in cima al Gitschberg di Maranza, consente di individuare le punte di 500 vette diverse.

Altre piattaforme panoramiche di avvistamento si trovano sull’Alpe di Rodengo, balcone privilegiato sulle Dolomiti, da La Varella al Putia fino alle Odle di Eores. Proprio qui si snoda uno tra gli itinerari più spettacolari, il Giro sull’Alpe di Rodengo (che fa parte del più vasto circuito dei 33 migliori sentieri circolari della Valle Isarco), escursione adatta a tutta la famiglia, di circa 3 ore per 11,5 km con dislivello di 240 metri. Lungo il percorso si incontrano siti di speciale pregio naturalistico e ornitologico, piccole torbiere e zone paludose utilizzate da varie specie di uccelli per nidificare. La scenografica passeggiata si snoda su un grande altopiano erboso, punteggiato di fienili, baite, steccati e radi larici. Si parte dal parcheggio Zumis, a quota 1725 m (raggiungibile anche con autobus – fermata malga Rodengo, oppure in auto da Rio Pusteria e Rodengo), per dirigersi sul Confinweg (sentiero di confine) verso la Baita Roneralm, a quota 1832 m, poi prosegue sul sentiero MK 2, oltre la croce Pianerkreuz, fino alla baita Rastner Alm, e più avanti alle Malghe Starkenfeld e Kreuzwiesen. Tutte sono dotate di ottima cucina tipica. In particolare, accanto alla Malga Starkenfeld, Christian Tschurtschenthaler ha realizzato un piccolo caseificio modello, dove ottiene in modo naturale, senza additivi, speciali formaggi dalle sue mucche alimentate quasi esclusivamente dal pascolo sui differenti ‘cru’ della malga. I formaggi sono in vendita o consumabili solo presso la baita stessa Starkenfeld.
E a proposito di panorami, per i più sportivi, da non perdere la salita alle ‘Big Five’ delle montagne locali, ciascuna con il suo fascino e la sua personalità: la prima, più facile (appena un’ora dalla Malga Starkenfeld), è la cima Lasta/Astjoch (2.194 m), rotondeggiante e prevalentemente erbosa. Poi ci sono il Picco della Croce/Wilde Kreuzspitze (3.132 m), la cima Gadini/Napfspitz (2.888 m), la punta di Campolago/Seefeldspitz (2.715 m) e la Cima della Capra/Gaisjoch (2.641 m). Per chi carica almeno 3 foto con questi soggetti sui social network attraverso il sito ufficiale dell’Area vacanze, c’è la possibilità di ricevere simpatici premi.

Per le esigenze degli escursionisti l’Area offre l’Almencard, gratuita per gli ospiti degli alberghi partner e valida per tutta la stagione estiva (dal 23 maggio al 18 ottobre 2015): utilizzo illimitato delle cabinovie, della funivia Rio di Pusteria-Maranza; escursioni a piedi o visite guidate alle malghe; programma ad hoc per i bambini; riduzioni e sconti in molti negozi e impianti sportivi. L’AlmencardPLUS (dal 1 maggio al 30 novembre 2015, 33 euro) comprende in più l’entrata gratuita in 80 musei, collezioni e manifestazioni e l’utilizzo di tutti i mezzi di trasporto pubblico dell’Alto Adige, così da poter evitare completamente l’uso dell’auto e muoversi senza stress.

Per vivere un’estate di escursioni nell’Area vacanze Rio Pusteria – Maranza Valles, si può prenotare individualmente in diverse tipologie di esercizi a prezzi convenienti, oppure usufruire di una dozzina di pacchetti vacanza diversi in alcuni alberghi: http://www.gitschberg-jochtal.com/it/alloggi-pacchetti/pacchetti.html.

Nel cuore di un magnifico paesaggio alpino, fra castelli medievali, dimore storiche e chiese all’incrocio tra la Valle Isarco e la Val Pusteria l’area vacanze ‘sci e malghe’ Rio Pusteria si trova a pochi chilometri dalla capitale culturale della Valle Isarco, la città storica di Bressanone. È formata da nove paesini che invitano a godere di un’esperienza autentica a contatto con la natura, nella quiete alpina. Fra questi, Rio di Pusteria, è un borgo storico con graziosi negozi e caffè a pochi minuti dall’uscita autostradale (A 22) di Bressanone. E anche Maranza e Valles, ben note come stazioni sciistiche, e poi Spinga, Rodengo (di rilievo per l’omonimo castello e il sovrastante altopiano fra pascoli e baite, Vandoies, Vandoies di Sopra, Vallarga e infine la selvaggia val di Fundres sono tutti facilmente raggiungibili. L‘area deve il suo nome alle 30 “Almen” (malghe alpine), attorno al monte Gitschberg. Una cultura viva, fatta di tradizioni antiche, saperi contadini e la purezza incontaminata del paesaggio sono gli elementi alla base dell’Alto Adige e della stessa area vacanze: qui tutto questo è esperienza di vita quotidiana.

INFORMAZIONI
Area vacanze ‘sci & malghe’ Rio Pusteria
tel. 0472 886048, info@riopusteria.it
www.gitschberg-jochtal.com

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *