• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpi e pareti, Top News

150 Anni del Cervino, al via i 10 giorni di festeggiamenti

Schermata-07-2457213-alle-09.30.56-261x300.png

BREUIL-CERVINIA, Aosta – Dieci giorni di incontri, feste, mostre, concerti, serate letterarie e soprattutto alpinistiche, perché di alpinismo si parla nella grande celebrazione della prima salita al Monte Cervino. Comincia domani l’estate speciale della Gran Becca: una carrellata di eventi che avrà il suo clou tra il 17, il 18 e il 19 luglio con la serata che avrà ospiti Reinhold Messner, Hervé Barmasse, Catherine Destivelle e Simon Anthamatten.

150 anni fa, a pochissimi giorni di distanza e dopo anni di tentativi andati invano, il Cervino veniva salito per la prima volta: prima dal lato svizzero poi da quello italiano. Da Nord l’impresa riuscì il 14 luglio del 1865 da una cordata guidata dal francese Michel Croz e dall’inglese Edward Whymper che andarono in vetta dalla Cresta dell’Hörnli. Da Sud il 17 dello stesso mese, quindi solo 3 giorni dopo, arrivarono in cima dalla la Cresta del Leone la Guida Alpina valdostana Jean-Antoine Carrel e l’abate Gorret. Nei 10 giorni di festeggiamenti che cominciano domani ai piedi della Gran Becca, si celebrano dunque le due prime salite, che coincidono peraltro nell’anno con la fondazione della Società delle Guide del Cervino.

Saranno dunque proprio le Guide Alpine tra i protagonisti di questa grande festa: insieme a loro gli ospiti, i turisti e gli appassionati di montagna andranno alla scoperta della Gran Becca, con una serie di trekking di varie difficoltà, anche di avvicinamento all’alpinismo. Sono previste infatti, giornate “Open Day” con escursioni al Rifugio Duca degli Abruzzi all’Oriondé, la salita alla Croce Carrel, la salita al Breithorn e addirittura uno “Stage Cervino”, che prevede 6 giorni di attività alpinistica preparatoria alla salita in cima al Cervino dell’ultimo giorno.

Domani pomeriggio verrà inaugurata a Cervinia la mostra “150 anni fa, il Cervino” di Giangiuseppe Barmasse, mentre alla sera dalle 22 la Gran Becca sarà illuminata con un’illuminazione scenografica. Sabato 11 si aprirà l’esposizione “Creste e pareti del Cervino. 150 anni di storia alpinistica 1865-2015” nella sede della Società Guide del Cervino, e alle 21 all’Auditorium di Valtournenche Roberto Anglisani mette in scena lo spettacolo teatrale di Livio Viano “la Conquista del Cervino”.

Il 14 luglio 2015 sarà la Giornata del silenzio: per tutto il giorno il Cervino sarà simbolicamente “chiuso” agli scalatori, in memoria degli alpinisti che, negli anni, hanno perso la vita sulla montagna, e dei morti della prima cordata che raggiunse la vetta.

Il 16 luglio sarà il giorno della maratona cinematografica “Cervino CineMountain 150°” nonché la “Notte del Cervino”: una festa lunga tutta la notte con rievocazioni storiche, teatro itinerante, esibizioni di gruppi folkloristici, musica e danze, prove di sport tradizionali, degustazioni e locali aperti fino a tardi. Tutti ai piedi del Cervino, aspettando il giorno dell’anniversario italiano, quindi la mezzanotte, quando sarà acceso un grande falò accompagnato dal volo delle lanterne al Campetto Crétaz di Breuil-Cervinia.

E quindi il 17 la giornata clou: al pomeriggio alle 16 all’Auditorium di Valtournenche si terrà “Cervino sopra le righe. Momento letterario outdoor”. Mario Calabresi modera l’incontro che avrà come protagonisti Reinhold Messner, che presenterà il nuovo libro dedicato al Cervino, Catherine Destivelle, Hervé Barmasse che racconterà la genesi del suo primo libro “La montagna dentro”, edito da Laterza, e ancora il giornalista Sandro Filippini autore insieme a Messner del libro “Walter Bonatti, il fratello che non sapevo di avere”.

Poi alle 21 Serata-evento alpinistica “il Cervino racconta” presso il Centro Congressi Billia, Sala Gran Paradiso, Saint-Vincent che vedrà ospiti Reinhold Messner, Hervé Barmasse, Catherine Destivelle e Simon Anthamatten. Gli alpinisti dialogheranno sulle figure di Jean-Antoine Carrel e Edward Whymper e su 150 anni di avvincenti sfide vissute sul Cervino.

Sabato 18 luglio sarà il “Cervino Walking day”, durante il quale si svolgeranno trekking filosofici con alpinisti e Guide Alpine. E poi ancora per tutto il weekend si alterneranno spettacoli teatrali, concerti, momenti di degustazione, mostre fotografiche, proiezioni oltre a una serie di attività riservate ai bambini. Infine domenica 19 luglio lo “Sprint finale Cervino 150”: una mattinata di allenamento libero intorno al Cervino, con la partecipazione straordinaria del Campione del mondo di skyrunning Bruno Brunod, Team Forte di Bard, e in compagnia degli atleti dell’ASD Cervino Trailers.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *