• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Eventi, Primo Piano

Passione verticale a Courmayeur: volti e storie raccontano i 150 anni dell'alpinismo

Foto1_Herve-Barmasse_FotoLanzeni-300x200.jpg

COURMAYEUR, Aosta — L’Age d’Or, l’epoca d’oro delle grandi imprese in montagna, rivive a Courmayeur, culla dell’alpinismo, nel consueto appuntamento con Passione Verticale. Ad aprire il calendario dell’edizione 2015, il 29 luglio, sarà Hervé Barmasse. Tra i “volti” anche Edmond Joyeusaz, Renzino Cosson, Arnaud Clavel, i Ragni di Lecco Matteo Della Bordella e Luca Schiera, Luca Rolli, Francesco Civra Dano, Davide Capozzi e Tamara Lunger. Nella sezione dei film, tre pellicole emozionanti dedicate all’alpinista Erhard Loretan, alla prima conquista dell’Everest e alla vita in un villaggio himalayano.

“Ho scalato vette in Himalaya, sulle Alpi, sulle Ande, ma essere a Courmayeur è un po’ come tornare alle origini. Attorno al Monte Bianco sono state scritte molte pagine della storia dell’alpinismo: è la famosa “Passione Verticale” che una volta accesa non si è mai spenta, ma ha illuminato il percorso delle generazioni successive, di cui mi onoro di fare parte” racconta il valdostano Hervé Barmasse, noto alpinista e guida alpina, che aprirà la rassegna di appuntamenti “Passione Verticale”, mercoledì 29 luglio, a Courmayeur. “Casa mia” è Valtournenche, ho mosso i primi passi in montagna sul “mio” Cervino, seguendo le orme della mia famiglia. Ma per me, come per ogni guida alpina e per ogni vero amante dell’alpinismo, Courmay eur e il Monte Bianco rappresentano un luogo dove tornare sempre con emozione!”

La “Passione Verticale” nasce quando si alza lo sguardo verso una vetta e si sogna di raggiungerla o di discenderla: è come una febbre che si impossessa degli amanti della montagna, e impone traguardi sempre più importanti. Non poteva che intitolarsi così la rassegna che Courmayeur – culla dell’alpinismo – dedica in estate ai protagonisti di grandi imprese in montagna: volti e storie di persone “stregate” dal potente richiamo delle vette. Teatro degli appuntamenti, curati da Vinicio Stefanello, Editor di Planetmountain, il Jardin de l’Ange, salotto estivo di Courmayeur, in pieno centro. Gli incontri si terranno alle ore 21.15.

Quest’anno la rassegna è ispirata all’epoca d’oro dell’alpinismo: nel luglio 2015 si è celebrato infatti l’anniversario della prima scalata alla vetta del Cervino, simbolo delle grandi imprese compiute all’epoca in cui la Passione Verticale, nata attorno al Monte Bianco, ha “contagiato” il mondo. La rassegna sarà l’occasione per immergersi nell’atmosfera dell’epoca dei pionieri dell’alpinismo, preparandosi a nuove avventure.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *