• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Meteo, Primo Piano

Autunno o estate? Sulle Alpi zero termico a 4.500 metri

aws-300x193.jpg

BERGAMO — Monte Rosa: +0,8°C ai 4554 metri della Capanna Margherita. Monte Bianco -1,6°C ai 4750 metri sul Colle Major del Monte Bianco, 50 metri sotto la vetta. E’ un anticiclone da record quello che insiste sul Nord Italia: sulle Alpi sono state toccate temperature paragonabili a quelle estive, quando di solito in questo periodo le cime sono ricoperte di neve fresca.

Nei giorni scorsi, a mezzogiorno, le colonnine di mercurio hanno segnato 23°C a Bormio, 21° a 1680 metri a Foppolo, 27°C ad Aosta, i 20° a Courmayeur e Cortina d’Ampezzo. Il 10 novembre record in quota, dove sono stati superati i 20° ad oltre 1600 metri in quasi tutte le località alpine.

Sconcertanti i valori delle due vette più alte delle Alpi, dove le temperature a metà novembre sono prossime allo zero, un valore quasi eccezionale perfino per l’estate. Il grafico a lato mostra chiaramente l’impennata del caldo sul Monte Bianco, dove è stata installata la stazione meteorologica più alta d’Europa. Il progetto nasce dalla collaborazione tra Associazione EvK2Cnr e Arpa Valle d’Aosta che registra in continuazione dati meteo.

Ma a quanto pare, la situazione andrà stabilizzandosi. “Il picco di questa eccezionale ondata di caldo è ormai stato raggiunto – dicono i meteorologi di 3bmeteo.com – domani infatti ci attendiamo un lieve calo termico, anche se rimarremo su valori sempre particolarmente elevati per la stagione”. La conseguenza sono il ristagno dell’inquinamento e dell’umidità nelle pianure e nelle grandi città, dove si formano banchi di nebbia e foschia.

Secondo 3bmeteo dalla prossima settimana alcune perturbazioni tenteranno di forzare il blocco anticiclonico. Al Nord è prevista qualche pioggia accompagna da un leggero calo termico. Ma del freddo vero, ancora non c’è ombra. Qualche possibilità verso fine mese, ma le previsioni sono molto incerte.

Una curiosità: anche l’autunno inverno del 1984/85, celebre per l’ondata di neve e gelo del mese di gennaio, era stato caratterizzato da un novembre molto mite, anche se non sempre sereno e soleggiato come quello in corso.

Guarda i dati in tempo reale della Aws (Automatic Weather Station) Monte Bianco

Related Post

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *