• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Top News

Monte Bianco, gli ascolti non salgono

monte-bianco3-300x224.jpg

BERGAMO — I dati della seconda puntata del reality Monte Bianco parlano chiaro: 5,12% a fronte del 6% della scorsa settimana. Un peccato perché la salita di Anna Torretta con il suo atletico gigante Stefano Maniscalco all’Aiguille Croux meritava qualche ascolto in più. Le riprese, l’ambiente, il realistico rapporto tra guida e “celebrity/ compagno di salita”, anche i timori, la paura, le reazioni umane e i sentimenti sono aapparsi reali. Bravi gli operatori e la regia. Ma molti l’anno giurata alla trasmissione che sfregia, a dir loro, lo spirito vero della montagna. E poi Parigi e l’orrore ancora dentro le teste di tutti noi hanno avuto il giusto contraccolpo sulla occasione di svago proposta da una trasmissione che pur si svolge in un ambiente austero come il Monte Bianco.

Sulla stessa Via, Enzo Salvi, addentato ai polpacci da crampi irresistibili, ha indotto il saggio Alberto Miele a fermarsi e rientrare al campo base. Ora la questione diventa un po’ più verticale (spinosa), quando l’elicottero viene chiamato e riporta al Rifugio Monzino il buon Salvi e la sua guida. E’ vero che questo è un gioco, che le guide sono bravissime, impeccabili e un po’ legnose, come tutti – anche i critici del reality – tengono a farci sapere; qualche sbavatura per la verità i loro colleghi l’hanno notata, ma si tratta di peccati veniali, ma, ma, ma.

Per anni, come si dice, è stata portata avanti una battaglia – e le guide alpine l’hanno supportata più di altri – per far capire a coloro che vanno sulle montagna che devono saper salire ma anche scendere e, ancora e meglio, imparare qualche piccola tecnica o sistema di autosoccorso. Lo ha detto anche Simone Moro che la discesa è importante anche più della salita.

Anni per far capire che non si chiama il soccorso (leggi elicottero) se non è strettamente necessario, che la disponibilità e possibilità reale, anche per chi non partecipa ad un reality, in Italia ancora in buona parte a spese del contribuente, di chiamare il 112 e di avere assistenza anche con un elicottero, non deve essere confusa con la convinzione che in montagna si possono fare cavolate e commettere imprudenze, tanto qualcuno arriva a portarmi a casa. Forse un annuncio in più “agli alpinisti e non” che guardavano la televisione ieri sera, che chiarisse bene il contesto del gioco che ha altre regole dall’alpinismo praticato normalmente, andava fatto.

Articolo precedenteArticolo successivo

10 Comments

  1. a dire il vero anche la Torretta e il palestrato dovevano scendere a piedi invece sono arrivati belli belli in elicottero….comunque non mi stupisco del calo di ascolti

    1. Vero , ma quello è un gioco con regole diverse e in questo caso contrapposte da quelle dell’alpinismo . Questo deve essere chiaro e chiarito sempre.

  2. Ma dai Agostino… perché continui a sostenere il nulla? Va bene che Moro è tuo amico… ma lì c’è il nulla. Il 5% è fin troppo…

    1. Moro considerebbe un’esagerazione esser definito mio amico. Io lo apprezzo per la maggior parte della sua attività alpinsitica.

  3. C’è un altro aspetto caro Da Polenza che bisogna sottolineare: non solo la montagna viene presentata come un gioco ma anche come lo scenario di una competizione, dove vince solo chi arriva prima degli altri..con tutte le conseguenze che ne derivano.

  4. in effetti, neppur nei numerosi filmati sul web di tecniche alpinistiche ( averne avuti in passato)…si vede tecnica di discesa diversa dalla spettacolare corda doppia.Sembra non ci sia altro.. o tuttalpiù l’elicottero , tanto paga la Produzione.Persino nelle gare di arrampicata..basta arrivare a toccare il gong e poi ci si molla nel vuoto ..che ci pensa l’assicuratore.
    Poi molti partecipanti quasi quasi si vantano di essere piuttosto fuori allenamento..infatti vinceranno , presumibilmente, gli sportivi, non esclusa la Dayane che non pare ma è agile e in forma..e lo fa vedere.Rotto il ghiaccio , bisognerà sempre studiare e frequentare corsi..non si scappa.

  5. mi associo ai commenti negativi. il prrogramma è inguardabile…osceno.
    mi viene da citare una vecchia canzone non ricordo se di Jannacci o Gaber
    “la televisiun la te indurmenta come un cujun…”

  6. Lo so che offenderò qualcuno però quando guardo con la mia famiglia il reality mi sghignazzo alla grande, ragazzi è un gioco non una roba seria è da guardare con leggerezza e farsi delle sane risate.
    Non vedete che è intriso di retorica quando la brasillera si pente di essere partita, sono daccordo col rasta o è una gara o è una scampagnato di gruppo.
    Ridete e basta se ce la fate seno cambiate canale, io non mi scandalizzo di niente ormai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *