• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota, Top News

Nepal, alpinista muore dopo aver aperto nuova via sul Tawoche

griffin-300x225.jpg

KATHMANDU, Nepal — Tragico incidente in Nepal: l’alpinista americano Justin Griffin è morto durante la discesa dal Tawoche, picco himalayano di 6495 metri dove aveva appena aperto una via nuova sullo spigolo nordest con Skiy DeTrayche. La montagna sorge vicino al Cholatse, nella Valle del Khumbu, sopra i villaggi di Periche e Dingboche.

L’incidente è avvenuto alcuni giorni fa. I due alpinisti, che lavoravano alla via da 6 giorni, avevano concluso la scalata sullo spigolo la mattina stessa. Esausti, avevano deciso di non proseguire sino alla cima principale della montagna, fra crepacci e rischio valanghe, e avevano preferito scendere lungo un canale ghiacciato.

Secondo quanto riferito dalle cronache, lo hanno percorso quasi totalmente slegati. Quasi conclusa la discesa, Griffin è scivolato su un gradino ghiacciato, finendo ai piedi della parete. Il compagno, subito intervenuto, non ha potuto fare nulla: era morto sul colpo.

Griffin, 35 anni, aveva parecchia esperienza alpinistica in Nord America ma era alla sua prima spedizione in Himalaya. Lascia moglie e una figlia piccola. Con DeTray aveva contribuito alla costituzione del Khumbu Climbing Center. La via nuova aperta dai due alpinisti è stata battezzata “5 Star Hot Chinese Mustard Pitch”.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *