• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Località, Primo Piano

Tonale, via allo sci con la nuova cabinovia Passo Paradiso-Presena

Telecabina-Presena1-300x225.jpg

PONTEDILEGNO, Brescia — La stagione sciistica 2015/2016 prende il via. Molti i comprensori in apertura nel weekend, grazie al freddo sopraggiunto con la perturbazione artica dei giorni scorsi. Fra loro il comprensorio Adamello Ski Pontedilegno-Tonale: da sabato 28 novembre si potrà sciare al Tonale sulle piste Valena e Vittoria e si scierà anche sulla parte più alta del ghiacciaio Presena, protagonista della grande novità di questo inverno: da Passo Paradiso (2.585 mt) a Passo Presena (3.000 mt) si viaggia in cabinovia.

La seggiovia Paradiso-Presena e le due sciovie sono state sostituite da questo moderno impianto composto da cabine con 8 posti a sedere e porta sci esterno, che permettono di raggiungere la cima del ghiacciaio in 7’50”. La cabinovia ha una stazione intermedia a quota 2.724 metri.

Il calo delle temperature che si è verificato in questi ultimi giorni ha fatto in modo che potessero essere azionati tutti i sistemi d’innevamento programmato disponibili. I cannoni stanno producendo neve sulle piste di Temù, di Pontedilegno e del Tonale e presto altre piste potrebbero aggiungersi a quelle già in programma per sabato. Nella ski area di Pontedilegno la novità di questo inverno è la seggiovia quadriposto Casola che ha preso il posto della vecchia seggiovia biposto.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Sinceramente non vedo cosa ci sia da felicitarsi per la costruzione di un ennesimo impianto sciistico che porta fin quasi in vetta alla Cima Presena, in un ghiacciaio già in agonia e devastato dallo sci invernale e estivo, ridicolmente ricoperto di teli bianchi per impedirne lo scioglimento… Ora si salirà accompagnati dalla moderna telecabina, solito fiore all’occhiello di una cieca amministrazione del territorio che pensa solo al profitto. Quale profitto poi? Quello fatto sparando la neve con i cannoni rubando l’acqua ai corsi naturali e inquinando il terreno con additivi congelanti per innalzare il punto di congelamento dell’acqua date le temperature ormai sempre meno invernali? O aspettando le nevicate naturali che ormai si riducono a 2 mesi l’anno? Per quattro gatti che ancora possono permettersi di spendere quattrini per andare a sciare? Ma il business si sa non sta nella gestione degli impianti, ma nel prendere soldi per costruirli…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *