• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Non siamo gufi reazionari: reality, il Cai risponde al Foglio Quotidiano

gufo-300x240.jpg

MILANO — Per il Presidente generale del Cai Umberto Martini il reality di RaiDue è “uno spettacolo televisivo che non rappresenta la nostra visione della montagna. È infatti mostrata una sfida fine a sé stessa, che certamente non è alpinismo”.

In relazione all’articolo pubblicato il 25 novembre scorso su Il Foglio quotidiano intitolato “La sfida verticale di RaiDue sul Monte Bianco è bella, ma va vietata a gufi e divanisti”, nel quale i soci Cai sono stati etichettati “gufi reazionari”, il Presidente generale del CAI Umberto Martini ribadisce quanto già espresso nelle due notizie pubblicate sul notiziario CAI Lo Scarpone.

“Il Club alpino italiano per tradizione non è favorevole alle crociate, siamo abituati a non avere pregiudizi e a giudicare nel merito. Le montagne sono di tutti, di conseguenza un reality televisivo girato sulle vette non è di per sé un fatto da condannare. Monte Bianco è uno spettacolo televisivo, certamente non vi è rappresentata la visione che della montagna dà il CAI, ovvero la ricerca di libertà e autorealizzazione personale, bensì è mostrata la sfida fine a sé stessa, che certamente non è alpinismo”.

Martini precisa che “il padrone della montagna non è il Cai, noi ne siamo fruitori e, in più, insegnamo ai nostri soci e agli appassionati, attraverso le nostre Sezioni e le nostre Scuole, a viverla in modo rispettoso e consapevole, nei confronti anche di chi risiede nelle Terre alte. Per noi chi va in montagna, come ho visto fare nel reality, senza mettere sconsideratamente a repentaglio la sicurezza propria, degli altri e senza rovinare l’ambiente, è certamente libero di farlo. La presenza delle Guide alpine, del resto, non può che essere garanzia di questo”.

“Il programma, come detto, è uno spettacolo televisivo, non un documentario – conclude Martini – non bisogna quindi cercare qui la verità assoluta relativamente all’alpinismo e alle Terre alte. Non si capisce perché chi monitora situazioni anche delicate come questa, entrando nel merito con competenza ed esperienza, debba essere etichettato come reazionario e anti moderno”.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. ma smettetela di parlare, andate in montagna a “soffiare” un po’ e vedrete che vi passa tutta la filosofia.
    la Montagna e’ fatica non conversazione. informo che ci sono i telecomandi.
    grazie

    trekkers55

  2. Soltanto chi pratica o ha praticato può capire …c’è sempre una visione personale intima ed una derivante dal gruppo di amici sodali .Ce se ne accorge anche dalla lettura di racconti , imprese o
    manuali e guide con tanto di foto , relazioni sullo stesso identico Gruppo montuoso.Il taglio individuale si nota sempre.Personalmente è una delle poche trasmissioni che mi sottrae a sane dormite ..e c’è pure l’ncentivo a scoprire i difetti..ma anche i pregi.Per esempio in spot pubblicitari..il primo di cordata è a sua volta legato ..ma si vede in pochi frammenti di filmato …la cioccolata però è sempre buona .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *