• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Top News

Campagna RAI per vivere la montagna in sicurezza

ossini-300x182.jpg

ROMA — Troppi gli incidenti accaduti in montagna negli ultimi anni. E la RAI lancia una campagna di sensibilizzazione sul rischio valanghe e sui corretti comportamenti da adottare in alta quota: “In montagna per la tua sicurezza usa sempre la testa!” è lo slogan del video, in alta definizione, della durata di 30″ e girato presso il comprensorio sciistico Plan de Corones a sud di Brunico in Alto Adige.

Questa la scena: il conduttore televisivo Massimiliano Ossini, testimonial della campagna, durante una passeggiata in montagna, incrocia con lo sguardo un elicottero del Corpo forestale dello Stato e invita ad apprezzare e a godere a pieno delle bellezze naturali, con un occhio alla propria incolumità e a quella degli altri, tenendo ben presente le regole di comportamento da seguire in montagna. All’improvviso un po’ di neve cade su Massimiliano che si trova sotto la tettoia di una baita innevata a sorseggiare un bicchiere di bevanda calda che cade al suolo nella neve fresca. L’inaspettato distacco della neve simboleggia il potenziale pericolo che può nascondersi in alta quota. Per questo, ricorda il testimonial, prima di andare in montagna, è bene consultare sempre il bollettino neve e valanghe.

Lo spot è in onda sulle reti televisive Rai, e dello spot è stata realizzata anche una versione radiofonica.

Dall’inizio del 2015 sono state 208 le persone che hanno perso la vita durante un incidente in montagna. Un numero pari al doppio rispetto al 2014. Le vittime non sono solo occasionali fruitori delle vette, ma spesso anche esperti rocciatori e alpinisti. Negli ultimi venticinque anni si sono verificati circa 6.000 incidenti: proprio in considerazione di questi dati, è stato realizzato lo spot.

Il cortometraggio istituzionale, realizzato nell’ambito della produzione di Lineabianca in onda su Rai1, è stato ideato dal Corpo forestale dello Stato in accordo con il Dipartimento Informazione ed Editoria della Presidenza del Consiglio e il Dipartimento della Protezione Civile.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *