• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Meteo, Primo Piano

Pericolo valanghe, chiusa la Val Ferret

image1-300x225.jpg

COURMAYEUR, Aosta – E’ chiusa, a causa del pericolo valanghe, dalle ore 19.00 di giovedì 07 gennaio, la circolazione stradale, inclusa quella pedonale, per la Val Ferret.
Le intense nevicate degli scorsi giorni hanno particolarmente interessato le zone di Valdigne e Courmayeur, tanto da costringere l’Amministrazione comunale, sentito il parere della locale Commissione valanghe, ad aumentare il livello del rischio fino a 4, su un massimo di 5, ed a chiudere la strada per la valle.

Medesima sorte è spettata alla Val Veny: il Comune in una nota spiega infatti che “sull’area di accesso il rischio glaciale permanente è ulteriormente aggravato dal pericolo valanghe dovuto alla presenza di forti accumuli conseguenti all’abbondante nevicata e all’attività eolica”.

È stata invece riaperta la strada regionale di Rhemes-St-Georges, interdetta anch’essa da giovedì, dato il miglioramento delle condizioni meteo.
Anche la circolazione sulla statale del Gran San Bernardo è stata ripristinata dopo che la Protezione Civile, con il diminuire delle precipitazioni, ha disattivato la procedura “Emergenza neve”.

La situazione dei trafori è tornata a sua volta regolare dopo la riapertura del tunnel del Monte Bianco, rimasto chiuso nella mattina di giovedì, al fine di effettuare il disgaggio di alcune valanghe sul lato francese.

La situazione meteo nella valle, malgrado i miglioramenti segnalati nelle ultime ore, non è però destinata a migliorare fino a lunedì. Almeno così riferisce il bollettino emesso dalla Regione, che prevede il perdurare fino a domani del livello 4 di pericolo valanghe nella zona ovest della Valle d’Aosta. Il grado di allarme è invece pari a “3-marcato” in Valsavarenche, Cogne, alta Valtournenche.
Intanto, gli effetti della perturbazione in atto sulla penisola, con temperature non rigide, portano il limite neve oltre i mille metri e la pioggia a quote più basse.

Related Post

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *