• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Emergenza valanghe: colpito anche il paese di Bessans

valanga_bessans-300x150.jpg

BESSANS, Francia – Dopo Cervinia, anche il paese di Bessans, località sciistica situata nella regione del Rodano-Alpi, al confine con l’Italia, è stato travolto questa settimana da una valanga. Dalla montagna, che sovrasta il piccolo paese turistico, si è improvvisamente distaccata una massa nevosa, di ampio fronte, che è arrivata fino a valle, investendo anche il borgo.

La spettacolare nube di neve, che avvolge le case di Bessans, è stata filmata da un turista francese. Per fortuna non si sono registrati feriti o danni.

In questi giorni, l’emergenza valanghe non pare lasciare scampo a nessuna località sciistica delle Alpi: da Italia, Francia, Svizzera ed Austria continuano ad arrivare notizie e video di enormi distaccamenti nevosi, che purtroppo in taluni casi hanno avuto esito fatale per gli sciatori.

Alla già critica situazione attuale, si aggiunge il fatto che è tornato a nevicare in queste ore, con conseguenti nuovi depositi di neve fresca, che faticheranno ad assestarsi sul ghiaccio sottostante, formatosi negli scorsi giorni a seguito delle rigide temperature registrate.

L’allerta valanghe rimane pertanto alta e stabile al livello 3, su tutto l’arco alpino.

L’indicazione è quindi quella di prestare attenzione se nel weekend avete intenzione di recarvi sulle piste da sci.

A tal proposito, possono essere utili i consigli della Guida Alpina Maurizio Gallo su come comportarsi sulla neve e l’attrezzatura da portare con sé per sciare in sicurezza, che potrete trovare qui:  Neve, valanghe e ARVA: su le orecchie!

Inoltre, potrete prendere parte domenica 17 gennaio, in una delle 50 località sciistiche coinvolte, all’iniziativa gratuita “Sicuri sulla neve”, promossa dal Club Alpino Italiano e dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, i cui dettagli è possibile trovarli qui: Domenica 17 gennaio torna “sicuri con la neve”, giornata di prevenzione incidenti

 

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *