• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Cronaca nera, Freeride, Primo Piano

29enne di Faenza muore sugli sci ad Arabba per una caduta. In Svizzera, due freerider sono stati travolti e uccisi da una valanga

daniela_ranzi-e1453036185553-300x167.jpg

ARABBA, Belluno — Doveva essere una bella vacanza sulla neve. Si è trasformata in tragedia: Daniela Ranzi, una 29enne di Faenza (Ravenna), stava trascorrendo una giornata sugli sci sulle piste del comprensorio di Arabba in compagnia del suo fidanzato quando è caduta e ha battuto la testa. I soccorsi sono stati inutili: la giovane è morta a causa di un grave trauma cranico. I primi ad arrivare sulla pista “Campolongo” sono stati gli agenti di polizia in servizio sulle piste, che hanno rianimato Daniela mentre sul posto giungeva l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore. La 29enne sarebbe spirata durante il viaggio verso l’ospedale.

In Svizzera, due freerider sono morti travolti da una valanga. Altri due loro due compagni di sciata sono riusciti a salvarsi. L’incidente è avvenuto in una zona di fuori pista, nelle vicinanze del comprensorio di La Tzoumaz, nel Canton Vallese, su una pista molto ripida, dove i 4 si erano avventurati nonostante il pericolo di valanghe fosse “marcato”. Il loro passaggio ha causato il distacco di una placca di neve di circa 200 metri per 250-300 metri. Sul posto sono intervenuti gli elicotteri di Air Zermatt, Air Glacier, guide alpine e unità cinofile.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *