• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Trekking, Turismo

Nepal, il turismo riparte grazie ai trekking

dia_0114-300x202.jpg

KATHMANDU, Nepal – Nel 2015 gli arrivi turistici sono diminuiti complessivamente del 30%, principalmente a causa del terremoto, delle agitazioni nella zona del Terai e del blocco economico indiano. Il numero però degli escursionisti è diminuito solo del 6,05% rispetto all’anno precedente.

Anzi, i dati forniti dal Nepal Tourism Board (NTB), che ha la competenza per il rilascio dei permessi TIMS (Trekking Information Management System) per i viaggiatori individuali, indicano che il numero di turisti singoli, che ha scelto il Nepal per il proprio trekking, è salito dell’1,87% nel 2015.

Deepak Raj Joshi, Presidente del NTB, ha detto: “Crediamo che questo possa essere la base per la rinascita del turismo nei giorni a venire. Questo dimostra che gli amanti dell’avventura non sono disturbati da tali imprevisti”, aggiungendo che le diverse campagne di sostegno nate dopo il terremoto, tra le altre “Visit Nepal to Help Nepal” e “NepalWOW”, hanno aiutato molto per far tornare il turismo nel Paese.

dia_0074Osservando invece i numeri di permessi TIMS rilasciati dal TAAN (Trekking Agencies’ Association of Nepal), che ha la competenza per i gruppi, si può notare come l’anno scorso il numero di escursionisti è stato in forte crescita fino a marzo, scendendo però del 14,36% in aprile, a causa del terribile terremoto, che ha avuto un impatto immediato negativo sugli arrivi, inclusi quelli degli escursionisti. In particolare, il numero di escursionisti è sceso del 81,26% in maggio e 75.88% nel mese di giugno, secondo il TAAN, ed anche se il numero è cresciuto marginalmente in luglio e agosto, è sceso del 69,42% nel mese di settembre e del 30% nel mese di ottobre. Tuttavia, il numero permessi TIMS rilasciati dal TAAN è aumentato del 101% in novembre, ma è nuovamente sceso del 20.47% nel mese di dicembre.

Quello che emerge è una netta differenza tra i numeri che riguardano i viaggiatori individuali e quelli che si riferiscono invece ai gruppi organizzati. Per Chandra Prasad Rijal, presidente del TAAN, questo dipende dal fatto che i turisti individuali prendono le decisioni relative al proprio viaggio da soli e sono più propensi al rischio, mentre coloro che viaggiano in gruppo preferiscono avere tutto pianificato, cosicché i programmi e le decisioni vengono lasciati alle agenzie (sicuramente più prudenti verso i loro clienti per ragioni economiche ed assicurative). “Tuttavia il calo del numero di escursionisti è molto marginale. Questo dimostra che il turismo è già sulla via del recupero e possiamo sperare in un 2016 con migliori prospettive”, ha aggiunto Rijal.

Nel 2015 la regione preferita dagli escursionisti è stata quella dell’Annapurna (63,4%), seconda la regione dell’Everest (27.74%), seguita dalla regione del Langtang (7,84%).

people-of-kathmandu IMG_0361_Kathmandu_Bodnath
 IMG_5517  http___coppermine.geko.tetragono.com_webapp_albums_userpics_10002_07_Dungchen_il_respiro_del_drago__monastero_buddista_Tengboche_3867_mt_Nepal_eds

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *