• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

A Brdo prende il via EUSALP, la macroregione alpina

cooperation_area_with_eu_and_regionnames-300x176.jpg

LUBIANA, Slovenia – Si è tenuto ieri a Brdo, vicino a Lubiana, il lancio ufficiale della macroregione alpina (Eusalp): una realtà che coinvolge 70 milioni di abitanti suddivisi in 48 regioni di 7 Paesi europei, tra cui Italia, Austria, Francia, Germania, Slovenia e due Paesi extra UE (Liechtenstein e Svizzera). Le Regioni italiane coinvolte sono l’Alto Adige, il Trentino, la Liguria, il Piemonte, la Valle d’Aosta, la Lombardia, il Veneto ed il Friuli Venezia Giulia.

“La Macroregione alpina non sarà una nuova Regione: non c’è bisogno di una nuova Regione o di un nuovo Ente. Non ci saranno nuove leggi e non ci saranno fondi istitutivi: insomma, non sarà un altro carrozzone” ha chiarito ai microfoni di Radio24 Ugo Parolo, sottosegretario di Regione Lombardia con delega alla Macroregione alpina (Eusalp), aggiungendo “si tratta, lo dice il termine, di una ‘Strategia’, cioè di un modo di lavorare insieme, riconosciuto però dal Parlamento e dal Consiglio d’Europa, non solo basato sulla buona volontà, ma istituzionalizzato”.

La Strategia macroregionale si basa su un piano d’azione, nato nel 2014 a seguito di una consultazione pubblica, svoltasi in tutte le Regioni coinvolte nel progetto, che poggia su tre pilastri: promozione della crescita sostenibile e dell’innovazione delle Alpi; sviluppo territoriale attraverso schemi di mobilità, sistemi di trasporto, servizi di comunicazione ed infrastrutture eco-sostenibili; miglioramento della sostenibilità nella regione alpina.

eusalp2016a
Photo cortesi regione.lombardia.it

Gruppi di azione si occuperanno poi di svolgere, per ogni pilastro, attività, quali, tra le altre, la promozione, la tutela del patrimonio culturale, la valorizzazione dell’ambiente.

Oltre a Ugo Parolo, per l’Italia, era presente il Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, a cui è spettato il coordinamento delle Regioni italiane, il quale ha dichiarato: “Per la prima volta questa grande area omogenea si mette insieme e potrà trattare direttamente con Bruxelles su tanti temi che riguardano la vita dei cittadini”.

Tra i partecipanti alla conferenza anche Corina Cretu, commissario europeo per la politica regionale e urbana, e Violeta Bulc, commissario europeo per i trasporti, oltre ai ministri degli Esteri dei Paesi che compongono la macroregione alpina.

Oggi è prevista una seconda sessione della conferenza, con incontri tecnici tematici e gruppi di lavoro.

Eusalp è la quarta strategia macroregionale riconosciuta ufficialmente da Bruxelles, dopo quelle per il Mar Baltico (Eusbsr), il Danubio (Eusdr) e l’Adriatico-Ionica (Eusair), e dovrà diventare la piattaforma che permetterà alle Regioni dell’arco alpino di lavorare a livello paritario con l’UE e i Paesi membri nella ricerca di soluzioni alle esigenze dell’area delle Alpi.

Related Post

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. dice bene quel tizio della regione Lombardia (con delega alla macroregione alpina sic…): non sarà un nuovo ente, un nuovo carrozzone, una nuova regione….sarà appunto solo fuffa, come tutte queste istituzioni cui fanno parte persone che sanno a malapena dove sono e cosa sono le Alpi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *