• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Cortina, iniziano i preparativi per i Mondiali 2021

cortina_piste_getty-300x188.jpg

CORTINA D’AMPEZZO, Belluno – Cortina pare essere già in preda alla frenesia per i Mondiali 2021. Negli scorsi giorni è stata infatti depositata in Provincia la proposta per il miglioramento degli impianti. I punti principali sono tre: la realizzazione di una cabinovia ad ammorsamento automatico con veicoli da 10 posti, denominata “Cortina – Col Drusciè”, in sostituzione del primo tronco dell’attuale funivia “Freccia nel cielo; il miglioramento delle piste da sci alpino “A del Col Drusciè” e “B del Col Drusciè”; la realizzazione della pista “Intermedia – Stries”, sempre in Tofana. L’obiettivo è arrivare a giugno, mese in cui saranno assegnati in Messico i Mondiali 2021, che Cortina ha già vinto a tavolino essendo l’unica candidata, con i progetti approvati, cosicché i lavori possano partire in estate.

Sempre con un occhio puntato al 2021, è stata presentata domenica scorsa, dal ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e dal sindaco del comune di Cortina d’Ampezzo, Andrea Franceschi, la Carta di Cortina sulla sostenibilità degli sport invernali, con cui la Regina delle Dolomiti si impegna nella tutela del territorio, in occasione degli eventi sportivi invernali e in vista dei Mondiali 2021, che avranno al centro della propria programmazione proprio la valorizzazione consapevole del territorio.

L’obiettivo è adottare strategie che coniughino la sostenibilità economica con quella ambientale, promuovendo un turismo sostenibile in un territorio iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale. La Carta di Cortina non riguarderà solo le istituzioni e gli enti, ma anche i cittadini e le imprese: educazione nelle scuole, partecipazione degli attori sociali per il raggiungimento dei target di riduzione dell’impatto ambientale, incentivi e facilitazioni per le realtà private che vanno in questa direzione. Un grande percorso strategico, insomma, per garantire la sostenibilità, la sicurezza e la qualità degli sport invernali.

“Partecipo con grande convinzione a questo appuntamento perché credo che una riflessione sullo sviluppo sostenibile, soprattutto in questo momento, sia fondamentale, e confermo che ci impegneremo sempre di più nella tutela dell’ambiente e nel rendere tutti più consapevoli e green oriented. Nell’ottica, naturalmente, di un futuro che va oltre i Mondiali del 2021” ha dichiarato il Sindaco di Cortina.

In questo clima quasi idilliaco si inserisce la protesta dell’Associazione albergatori di Cortina, che sta studiando la possibilità di ricorrere al Tar contro la tassa di soggiorno introdotta dal comune dal 1 gennaio di quest’anno. Una tassa a cui gli albergatori di principio non sono contrari, ma di cui non approvano le modalità con cui il Comune ha deciso di applicarla, spiega Alberto Menardi, titolare dell’Hotel Menardi e membro del direttivo dell’Assoalbergatori: “La tassa è entrata in vigore dal primo gennaio, a cavallo della stagione invernale, un mese dopo averla approvata in consiglio comunale. Come albergatori ci troviamo in difficoltà a riscuoterla dal cliente, poiché i prezzi sono già stati fatti. Alla fine la dovremmo pagare di tasca nostra, e abbiamo già calcolato, per questi primi mesi del 2016, una perdita di qualche migliaio di euro”. Nel mentre si sta cercando una mediazione con il Comune, chiedendo la sospensione della tassa, come previsto dalla legge di stabilità 2016. La scadenza era il 26 gennaio, cioè 60 giorni dall’approvazione dell’imposta in consiglio comunale, ora vedremo cosa accadrà.

Related Post

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. Mi potete spiegare perchè in un articolo dove si parla di Cortina viene usata una foto che ritrae Città dei Sassi, Sassolungo, Punta Cinque Dita e Punta Grohmann che con le Dolomiti ampezzane non c’entrano niente…?! Grazie

  2. Tante belle parole, ma crediamo che quanto scritto basti a garantire i Mondiali a Cortina?
    E le strade, pessime, che raggiungono il paese da sud? E il treno progettato? E l’aeroporto progettato? E i parcheggi, che mancano? E le strutture alberghiere, 8 delle quali sono chiuse da anni o fatiscenti? Forse bisognerà vedere tutti i lati della medaglia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *