• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Cronaca, Primo Piano

Continuano le ricerche di Paolo Rindi, 19enne scomparso in Val Grande

paolo-rindi-300x168.jpg

VARESE — Scomparso nel nulla: è ormai una settimana che Paolo Rindi, ragazzo di Varese di 19 anni, risulta sparito. Lo cercano tre elicotteri (uno dei vigili, uno del 118 e uno della guardia di finanza), i vigili del fuoco e i soccorritori alpini, oltre a una squadra di uomini a piedi che stanno setacciando la zona in cerca di una traccia che faccia capire di più su questa vicenda.

Paolo Rindiera era partito da solo per un’escursione di più giorni nei boschi del parco nazionale in Val Grande. L’ultima sua traccia è scritta nel registro del bivacco all’alpe Pian di Boit quando, la sera del 31 gennaio, il 19enne, insieme ad Alessandro e Gregor, di 36 e 39 anni, due uomini sembrerebbe incontrati per caso, ha trascorso una serata di “grande bevuta, grande abbuffata, grande fumata”. Sul registro compilato nel bivacco Rindi, per indicare la sua direzione, aveva scritto anche «va in su».

Da quel momento, di Paolo non si sa più nulla, se si esclude una segnalazione di un uomo che l’avrebbe incrociato nella giornata del 1 febbraio. Il ragazzo aveva preso accordi con la madre per ritrovarsi nel pomeriggio del 2 febbraio a Cicogna, ma lì non è mai arrivato. Secondo i piani comunicati alla famiglia, Paolo avrebbe dovuto congiungersi in montagna domenica con un amico, che però non ha incontrato perché ha perso la strada e è rientrato.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *