• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Top News

Nanga Parbat: Campo Base, tempo di festa!

campo-base-7-1024x768.jpg

ISLAMABAD, Pakistan — Campo Base, è giá come tornare un pò a casa. Il cuoco, i giovani amici pakistani, il tepore e gli odori della tenda cucina, le cose famigliari della tenda personale. Lavarsi per come si può è come liberarsi definitivamente dalle grinfie gelide della montagna, rinascere, rientrare nel mondo.

campo base 4

Gran festa dei cuori, di cibo e di pentole e coperchi sbattacchiati e urla che inneggiano alla lunga vita per Simone, Tamara e Alì e Alex. Poi la rimessa in moto dei computer, le foto da sciegliere per i media e gli sponsor. C’è anche questo a cui pensare e provvedere.

campo base 9
Photo @alextxikon.com

C’è da smaltire le tossine accumulate nei muscoli nei giorni di salita, di disdratazione, di ipossia e per contro di scarsa alimentazione e di poco bere.
Ma ciò che più fa al benessere è il trovarsi di nuovo ad una quota dove la pressione atmosferica consente al corpo di assorbire una dose quasi normale di ossigeno. L’alta e l’altissima quota fanno male, soprattutto al cervello, che soffre la mancanza di ossigeno, ed è per questo che è importante starci il meno possibile.

Photo @alextxikon.com
Photo @alextxikon.com

C’è una considerazione generale che deve essere fatta al termine di questa campagna invernale, la “montagna assassina” come molti giornali oggi hanno titolato e ricordato essere l’appellativo del Nanga Parbat, non ha avuto vittime sacrificali. E certo non è stato garzie alle condizioni della montagna e del meteo, che sono state quasi sempre inclementi, ma alla professionalità, competenza e anche prudenza di tutti. Anche un pizzico di fortuna non è mancato, ma “la fortuna aiuta gli audaci”.

Ora è tempo di consuntivi, di feste e compimenti, anche di nuovi programmi, con un pò di malinconia.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *