• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Curiosità, L'approfondimento

La misteriosa montagna sul pianeta nano tra Marte e Giove

Un anno fa la sonda della Nasa Dawn è entrata in orbita attorno a Cerere, uno dei pianeti nani del Sistema Solare, tra Marte e Giove, e da allora sta mappando e studiando questo oggetto estremamente vario ed interessante.

Molti i dati raccolti in questo breve tempo, che stanno permettendo ai ricercatori di lavorare sui tanti misteri che la sonda ha svelato. Il più enigmatico? Una montagna!

Ahuna Mons era già stata individuata lo scorso anno da una distanza di circa 46.000 km, ma con i nuovi dati la sua struttura è diventata sempre più chiara: una cupola con pareti lisce e ripide, a differenza di quanto emergeva dalle prime osservazioni, che facevano pensare ad una forma piramidale. Il picco più alto è di ben 5 km di altezza, un fatto molto strano su un pianeta con un diametro di soli 900 chilometri, a ciò si aggiunge un altro dettaglio non da poco che infittisce il mistero: il rilievo è completamente “solitario”.

Photo NASA
Photo NASA

Se non bastasse, le ultime immagini di Ahuna Mons rivelano la presenza di molto materiale luminoso su alcune delle sue pendici e meno su altre. Striature simili erano già state osservate nel cratere Occator, sempre su Cerere, ed erano state spiegate dagli scienziati come sali (solfato di magnesio) tornati in superficie quando l’asteroide che lo ha creato ha colpito il pianeta nano. L’enigma però non pare essere svelato del tutto, infatti una cosa è sapere che quelli osservati sono sali, un’altra è spiegare come vi possano essere colate di questi sui pendii di 4-5.000 metri di Ahuna Mons.

“Nessuno si aspettava una montagna su Ceres, soprattutto dalle caratteristiche di Ahuna Mons” ribadisce Chris Russell, ricercatore presso l’Università della California, che poi conclude, “stiamo ancora cercando di capire il processo con cui questa montagna si è formata”.

Chissà quanto dovremo aspettare prima di vedere i primi alpinisti dello spazio, di sicuro almeno tra le stelle non ci saranno dubbi, e relative polemiche, sull’utilizzo o meno dell’ossigeno!

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *