• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Cultura, Primo Piano

Un libro per raccontare le Alpi tra cultura e storia

locandina-torinoTORINO — Giovedì 5 maggio a Torino, presso la libreria La Montagna, Gian Luca Giasca presenta il suo libro: “54 giorni nel cuore delle Alpi – Dalle Giulie alle Marittime tra cultura e storia”. Un lungo viaggio nel cuore delle Alpi per vederle prima che cambino del tutto: è la storia dell’autore, scritta dopo 2000 chilometri passati su treni e pullman dal Friuli alla Liguria. In 54 giorni ha attraversato le montagne in cui la Storia sembra essersi ritirata lasciando gli uomini e le terre abbandonati a sé stessi. Nella sua lunga esplorazione ha letto i segni dello spopolamento, della Grande Guerra, della corsa alla conquista delle vette, del turismo di massa, e di piccoli e grandi episodi che hanno segnato irrimediabilmente i luoghi e le persone. Lungo la strada si è fermato nei luoghi significativi per la storia, la cultura e l’economia delle Alpi, e ha interrogato i testimoni del cambiamento e gli abitanti che lo stanno vivendo giorno per giorno.

Nei loro racconti si legge la reazione della gente al tempo che passa, e il significato di vivere in montagna oggi, quando la montagna viene considerata un territorio marginale. Si intuisce il ricordo tenace di un mondo passato che non tornerà, ma che inesorabilmente si trova affacciato a una modernità di cui non si intuisce ancora la portata del cambiamento.
L’autore tiene a precisare che non si tratta di un’impresa. Non ha percorso le Alpi a piedi, ma come potrebbero farlo i suoi abitanti: principalmente con i mezzi pubblici. Difficile ma non impossibile.

Non un viaggio lento per principio, ma un viaggio reale, che si scontra con i problemi concreti del trasporto pubblico nelle aree marginali. «In due mesi di viaggio ho capito che a frenarci è più che altro l’idea che muovendoci con i mezzi ci manchi la libertà, l’autonomia di andare dove vogliamo e quando vogliamo. Questa idea deve cambiare per la salute delle nostre montagne, che per accogliere le auto continuano ad essere spianate e asfaltate. Andiamo in montagna in macchina cercando l’”aria fresca” ma molto spesso quella che respiriamo è la stessa che troviamo in città, marcia di inquinanti che soffocano la natura».

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *