• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Rubriche, Sicurezza in montagna

Sicuri sul sentiero, una giornata per imparare a prevenire gli incidenti in montagna

Come da consuetudine, nell’ambito del progetto Sicuri in Montagna, domenica 19 giugno 2016 si ripresenta la giornata nazionale di prevenzione degli incidenti tipici della stagione estiva Sicuri sul Sentiero; sentieri, ferrate, falesie e vie alpinistiche, grotte e canyoning ma anche la ricerca dei funghi, saranno i temi d’interesse per parlare di prevenzione a 360°.

Lo scopo principale dell’iniziativa organizzata da CAI e CNSAS è creare sensibilità ed accrescere la consapevolezza dei rischi e dei limiti personali accettabili nella frequentazione dell’ambiente montano ed ipogeo, soprattutto in quanti, lontani dal mondo del CAI o senza l’ausilio di una Guida Alpina, si avvicinano alla montagna in modo superficiale.

Così, domenica 19 giugno 2016, il Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico del CAI, le Sezioni del CAI, le Commissioni e Scuole Centrali di Escursionismo e di Alpinismo Giovanile del CAI, le Scuole di Alpinismo del CAI, Enti ed Associazioni sensibili, daranno vita a manifestazioni che possono raccogliere l’interesse e la partecipazione delle edizioni passate.

Nella stagione estiva si concentra la maggioranza degli interventi di soccorso, molti dei quali mettono in evidenza la difficile percezione dei rischi soprattutto da parte di chi ha poca esperienza, anche su terreno facile; così, non solo per una questione di grandi numeri, l’escursionismo occupa sempre i primi posti delle statistiche degli interventi del Soccorso alpino.

A partire dal mattino Tecnici del Soccorso alpino, Istruttori ed Accompagnatori del CAI, Guide Alpine, saranno presenti in diverse località per dispensare utili consigli a chi ne farà richiesta e raccogliere informazioni circa la frequentazione di sentieri, ferrate, falesie, grotte ed altro.

Per consultare il programma, qui.

Related Post

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *