• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Sicurezza in montagna

Sicurezza materiali: longe e daisy chain, si riaccende l’attenzione

Affidarsi al cervello, ai muscoli ma soprattutto al cuore del proprio compagno di cordata è un atto di fiducia estrema che cementa le relazioni umane. Farlo con pezzi di fibra sintetica o metallo che sono diventati l’attrezzatura di sicurezza, che nel caso dei sempre più frequenti voli per quanto protetti possono rappresentare un rischio, è sempre più “naturale” grazie l’alta tecnologia e professionalità delle case produttrici, ma se ci si pensa un attimo, qualche ansia viene.

Proprio i nostri lettori nei commenti che raccontano i propri incidenti, a volte accaduti per disattenzione o superficialità ma dalle dolorose e tragiche conseguenze, hanno sottolineato l’importanza della corretta tecnica, dei materiali, dell’affidabilità da tenere sempre presente.

Marco Giorgi scrive: “Cosa posso aggiungere? UMILTA’, UMILTA’ e ancora UMILTA’ nei confronti della GRAVITA’”.

Il Centro Studi Materiali e Tecniche (CSMT) è una struttura operativa del CAI che dal giugno del 2009 ha come obiettivo lo studio, teorico e pratico, dei problemi legati alla sicurezza nella progressione in montagna e in parete; studia inoltre le caratteristiche di resistenza e le prestazioni delle attrezzature alpinistiche.

È un’eccellenza italiana che lavora in stretto contatto con la Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e l’analoga commissione dell’UIAA. Supporta tecnicamente il Soccorso Alpino e tutti gli organismi che con la “gravità” fanno i conti: alpinistici, sportivi, ovviamente anche dei corpi militari come la Guardia di Finanza.

I test sui vari materiali sono effettuati presso il Laboratorio di Villafranca Padovana, mentre le prove dinamiche, che coinvolgono cadute di masse o di persone, si eseguono alla Torre, presso il Centro Sportivo Brentella.

Dell’ottimo lavoro del CSMT si sono accorti anche alcuni osservatori internazionali che hanno recentemente  pubblicato alcuni lavori, avviati già nel 2014 dal Centro Studi Materiali, sulle longe e su daisy, arrivando dopo una serie di prove alla conclusione che se costruite in cordino o fettuccia in Kevlar o Dyneema questi dispositivi di sicurezza VANNO SCARTATI SENZA ESITAZIONE.

PDF studio longe e daisy chain

 

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *