• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cultura, Primo Piano, Territorio, Turismo

Anche le Valli bergamasche nel viaggio in Lombardia di Gualtiero Marchesi

Tra gli itinerari di Sapore #inLombardia, il viaggio tra gusto e arte con Gualtiero Marchesi, un  progetto di Regione Lombardia ed Explora, la DMO di Regione Lombardia e CCIAA lombarde, con protagonista il grande Maestro della cucina italiana, dedicato alla valorizzazione turistica del patrimonio enogastronomico lombardo, compaiono anche le Valli bergamasche e la Valtellina (non ancora on line).

Il viaggio prevede sette itinerari intrapresi da Gualtiero Marchesi, accompagnato dalla giornalista e critica d’arte Beba Marsano, in qualità di testimonial del territorio e guida: Milano, Bergamo e le Valli, Cremona e Mantova, Valtellina, Franciacorta e Lago di Garda, Brianza e Pavia, Lago di Como e Varese. Si tratta di veri e propri racconti tramite la realizzazione di uno storytelling multimediale che vede la sua declinazione in un concept creativo di campagna, video, interviste e ricette raccolti e condivisi sul sito web sapore.in-lombardia.it a partire da oggi, 24 giugno 2016.

Sette percorsi dove il Maestro Gualtiero Marchesi si rende testimonial del territorio: voce narrante di un viaggio d’autore che rivela le eccellenze enogastronomiche lombarde rappresentate dai luoghi da lui amati o incontrati lungo la sua carriera, la cui riscoperta si arricchisce di memorie personali e ricette di piatti tradizionali a cavallo tra storia e rivisitazione contemporanea. Al racconto di Marchesi si intreccia quello rivolto alle peculiarità artistiche e culturali locali narrato dalla critica d’arte e giornalista Beba Marsano.

“Quello compiuto da Marchesi, icona globale dell’alta cucina, Maestro per eccellenza nella ristorazione e profondo conoscitore della varietà del territorio lombardo, è un viaggio che centra in pieno gli obiettivi che ci eravamo prefissati. Nell’Anno del Turismo lombardo, Sapore #inLombardia diventa a pieno titolo una delle iniziative più importanti di comunicazione turistica in questo ambito, un moderno ed autorevole patrimonio di promozione in grado di conquistare un mercato di viaggiatori sempre più attratto da esperienze uniche. – Ha commentato l’assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia Mauro Parolini, –
Due stranieri su tre oggi scelgono di visitare l’Italia anche per il suo cibo: la Lombardia non è ancora una destinazione turistica consolidata in questo ambito, ma lo sarà presto. Qui la ristorazione e le produzioni alimentari continuano a creare eccellenza tra tradizione e modernità, e questo patrimonio costituisce un formidabile elemento di attrattività che il maestro Marchesi è riuscito a raccontare, fondendolo anche con l’arte, con particolare efficacia.”

“Abbiamo percorso un viaggio approfondito nella memoria del gusto della mia Lombardia, una terra dai forti contrasti naturalistici, che vanta un patrimonio culturale immenso e giacimenti gastronomici unici” – dichiara il Maestro Gualtiero Marchesi – “Ho incontrato produttori, uomini di cultura, cuochi, artigiani, professionisti dell’ospitalità. In particolare mi hanno colpito i molti giovani che utilizzano il verbo “fare” con tanta, giustificata passione. Accanto ai luoghi della mia giovinezza, della memoria, ho fatto scoperte sorprendenti. Il viaggio si sta concludendo e ho già voglia di ripartire”.

Il website sapore.in-lombardia.it, fulcro delle comunicazioni web e social, diventa così un inedito strumento di promozione multi-esperienziale grazie alla presenza di gallery fotografiche, alla possibilità di interazione per il pubblico a livello di contenuti e condivisione social, e soprattutto all’offerta di docu-story video. Il risultato è un racconto di contaminazione armonica tra enogastronomia e arte arricchito da approfondimenti culinari, aneddoti personali e dalle storie dei protagonisti incontrati dal maestro Marchesi. Altrettanti video a carattere principalmente turistico costituiscono una mappa interattiva dell’intero percorso.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *