• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Bike, Primo Piano

Completata la CicloVia Francigena, 1040 km dal Gran San Bernardo fino a Roma

VERCELLI — Con l’ultimo segnavia posizionato, quello di Vercelli, la CicloVia Francigena è completamente segnalata, dal Colle del Gran San Bernardo fino a Roma. L’associazione SlowWays era partita proprio dal ponte sul Sesia (Vercelli) il 18 Aprile, completando quello che oggi è il più lungo itinerario cicloturistico mai segnalato in Italia: 1040 km sui quali sono stati posizionati circa 6.000 adesivi bianchi e azzurri, circa il doppio rispetto di quelli preventivato.

Così scrive Alberto Conte, direttore di SlowWays, sul sito www.viafrancigena.bike:
“La posa della segnaletica lungo la CicloVia Francigena è stato, e speriamo che sia in futuro, un grande lavoro di squadra, il coronamento di un progetto al quale lavoriamo da anni e che ha potuto concretizzarsi soprattutto grazie al sostegno di 177 donatori che hanno partecipato alla nostra campagna di crowdfunding.

Ringraziamo i donatori, la piattaforma di crowdfunding Eppela, lo sponsor Unipol Sai, e le molte realtà che hanno lavorato alla definizione di un itinerario ciclabile lungo la Via Francigena. Enti locali, associazioni (prima tra tutte FIAB), guide, singoli appassionati che da anni lavorano per tracciare e migliorare il percorso, e l’Associazione Europea delle Vie Francigene che lo sta certificando a livello europeo.

Ringraziamo inoltre i colleghi di Slow Travel Network e di Ciclica, che hanno comunicato il progetto in modo molto efficace, Pietro Furlan, che ha fatto da modello per il bellissimo video, e il nostro Stefano Mazzotti, che ha materialmente posato i segnavia in sella a Franca, la sua affezionata bicicletta.

Ora che la segnaletica è posata la CicloVia ha acquisito dignità e visibilità, ci aspettiamo che il numero dei ciclo-viaggiatori che la percorreranno aumenti sensibilmente, e che si crei un circolo virtuoso in cui siano le comunità e gli operatori turistici locali a prendersi cura dell’itinerario”.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *