• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cultura, Mostre, Primo Piano

A Biella la mostra fotografica “Preghiera alla montagna”

BIELLA –  In uno dei luoghi più suggestivi del biellese, Villa Cernigliaro, a Sordevolo, apre oggi la mostra “Preghiera alla montagna” in cui sarà possibile ammirare le fotografie di Pietro Ostano.

L’esposizione, iniziata “da un azzardo, una semplice lettera elettronica inviata all’associazione ZeroGravità di Villa Cernigliaro; senza pretese, senza aspettative”, è curata da Carlotta Cernigliaro e “racchiude più sfere emotive e differenti tecniche fotografiche; ha come protagonisti la Natura, l’Uomo e gli Animali – racconta Pietro – e, fuorché alcuni scatti, le foto ritraggono il Biellese, territorio al quale sono legato e nel quale vedo un potenziale enorme, che vorrei fosse valorizzato nella misura che merita” ed aggiunge “Sarei contento qualora la mia passione potesse portare visibilità al Biellese e spingesse le persone a esser più attente nei confronti della natura e della qualità della vita dell’uomo di oggi, soffermandosi su quanto sia tutto legato e quando perdiamo dietro a distrazione che, purtroppo, colpiscono anche me”.

Pietro Ostano nasce in Botswana da madre boera e padre italiano in un incubatore multietnico di rara bellezza; i viaggi tra Botswana, Namibia e Sudafrica sensibilizzano il suo amore per la natura. Autodidatta, fotografo per gioco dal 2007, affina conoscenza tecnica e ricerca, sempre più attenta a equilibri formali e cromatici. Dieci anni e migliaia di immagini dopo, scatta ancora, con un’obsoleta D80, prediligendo ritratti paesaggistici, persone in contesti naturali e dettagli: surrogati di realtà percepita e immaginata che l’autore lascia generosamente alla mercé dell’osservatore.

 

Info sulla mostra:

Villa Cernigliaro, La Serra dei leoni
Sordevolo, via Clemente Vercellone 4

dal 10 luglio al 10 agosto 2016
Ingresso libero dal lunedì al sabato ore 18 – 24; domenica ore 12 – 24

Related Post

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *