• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano, Trekking

Percorso Bonatti, dal Gran Sasso all’Himalaya

Il “Percorso Bonatti” – dal Gran Sasso all’Himalaya nasce nei boschi di faggio e abete bianco dei Monti Cardito e Campiglione e prosegue attraverso le valli glaciali del Monte Corvo e le creste rocciose delle Malecoste fino a raggiungere Campo Imperatore e l’imponente Rocca di Calascio proseguendo poi idealmente nella Rolhwaling, in Himalaya.

Il Percorso l’ultimo atto del gemellaggio tra il Parco Nazionale del Gaurishankar ed il Parco Nazionale del Gran Sasso Monti della Laga, che è divenuto realtà nel 2014 grazie all’impegno alpinistico, scientifico ed umanitario dell’associazione Explora, ed è proseguito, a seguito del sisma del 2015, con la campagna di comunicazione condivisa “Visit Nepal to Help Nepal”.

Passione per l’avventura, slancio umanitario ed amore della natura si fondono in questo percorso alpinistico, che muove alla ricerca dell’integrazione tra l’uomo e l’ambiente, attraverso ambienti segreti o poco noti, unendo il paesaggio del Gran Sasso teramano con quello aquilano per proseguire nella Valle della Rolhwaling, in Himalaya.

L’implementazione del Percorso Bonatti, quale via di unione tra i territori del Gran Sasso e dell’Himalaya ha come fine quello di fare della passione per la montagna e l’avventura un’occasione di unione tra popoli e culture e rappresenta il primo gesto concreto scaturito dal gemellaggio tra le due aree protette.

L’unicità del percorso è, inoltre, quella di poter essere attraversato in tutto o in parte da entrambi i versanti. Per l’occasione è stata realizzata una carta 1:50.000 in versione italiano-inglese, che è possibile reperire nei punti di accesso del Parco.

Ideato da Davide Peluzzi e Luigi Grimaldi dell’Associazione Explora Nunaat International e condiviso e sostenuto dal Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, con il patrocinio morale del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, è stato inaugurato lo scorso 9 luglio.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *