• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Sicurezza in montagna

Una App per la sicurezza in montagna

La tecnologia permette di fare passi in avanti in fatto di sicurezza in alta quota: ne è un esempio  l’applicazione GeoResQ, sviluppata dal CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico) e promossa dal CAI.

L’obiettivo è quello di fornire un soccorso tempestivo, grazie a una localizzazione rapida e precisa, che permette di rintracciare il percorso fatto dall’utente per poi inoltrare l’allarme alla centrale operativa. Oltre alla App è in fase di ottimizzazione anche il servizio “Sms Locator”, che attraverso l’invio di un messaggio dallo smartphone consente la localizzazione geografica.

Una tecnologia che negli ultimi mesi, da quando tale sistema è entrato a pieno regime nei protocolli del Soccorso Alpino, ha dato risultati positivi, consentendo di attuare interventi rapidi anche in notturna o in casi di scarsa visibilità.

Nuovi strumenti che facilitano l’operato dei soccorritori, ma legati alla copertura di rete, che in montagna non c’è sempre. È importante quindi che coloro che frequentano la montagna adottino sempre comportamenti prudenti; va infatti sottolineato come una delle cause principali degli incidenti è da rintracciarsi nella condotta incauta di molti escursionisti, che molto spesso non sono nemmeno assicurati.

L’app è scaricabile  gratuitamente negli App Store del proprio smartphone, ma  per essere utilizzata necessita di un abbonamento annuale. Maggiori informazioni sul sito del CNSAS.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *