• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Arrampicata sportiva, Sport, Top News

L’arrampicata sportiva è olimpionica

La decisione è ufficiale: ieri sera a Rio de Janeiro il CIO ha deciso che tra i cinque nuovi sport che saranno presenti a Tokyo 2020 ci sarà anche l’arrampicata sportiva.

Per quanto riguarda la formula, è stata scelta quella combinata: per conquistare l’oro verranno sommati i punteggi ottenuti dagli atleti, 20 uomini e 20 donne, in tutte tre le discipline dell’arrampicata sportiva (boulder, speed, lead).

Un formato molto criticato dai maggiori climber mondiali, tra cui Sharma ed Ondra, il quale lo aveva definito un compromesso per accontentare tutti, ma che in realtà non soddisfaceva nessuno, insomma “una tragedia”. Ed è probabilmente proprio l’intenzione del CIO di accogliere le linee guida dell’Agenda 2020 circa la volontà di puntare ai giovani con discipline di maggior appeal ed emozionanti, ad aver fatto optare per una formula di gara che, pur di non rinunciare alla spettacolarizzazione dello Speed, che contenesse filosofie arrampicatorie tanto differenti tra loro.

Il Presidente dell’IFCS (International Federation of Sport Climbing), Marco Solaris, si è dichiarato felice della decisione presa a Rio, attendiamo ora di sentire le reazioni dei climber.

Assieme all’arrampicata sportiva nel programma di Tokyo anche lo skateboard, l’arrampicata sportiva, il softball e il baseball, il karate e il surf; per un totale cdi 18 nuovi eventi e 474 atleti in più.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *