• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Natura, Primo Piano

Trento, quando il vicino di casa è un orso

orso-2Si è svolto pochi giorni fa, a Candriai, l’incontro pubblico organizzato dalla Provincia Autonoma di Trento che ha affrontato il delicato tema degli orsi. Erano presenti anche l’assessore Michele Dallapiccola e Claudio Groff, esperto del Servizio Foreste e Fauna.

Questa specie è stata reintrodotta nel 1999 grazie al Progetto Life Ursus e alla stesura del Pacobace, il Piano d’azione interregionale per la conservazione dell’orso bruno nelle Alpi centro-orientali. La popolazione è cresciuta tra il 2002 e il 2012, stabilizzandosi negli ultimi tre anni con una cinquantina di esemplari. Un buon risultato, se si considera che mezzo secolo fa l’orso era quasi estinto.

Restano, comunque, dubbi e perplessità riguardo alla sua presenza sul territorio, soprattutto per quanto riguarda la convivenza con gli allevatori. La Provincia, con il suo assessorato all’Agricoltura e il suo Servizio Foreste e fauna, ha predisposto a tale scopo non solo risarcimenti per i danni causati dai grandi carnivori, ma anche un servizio di assistenza per poterli prevenire.

Se da un lato la presenza dell’animale preoccupa i residenti, dall’altro bisogna evidenziare come questa sia un fattore di richiamo per i turisti, rendendo l’orso bruno una specie di attrazione faunistica. Per questo la Provincia sta puntando sul turismo ambientale, che include l’osservazione degli orsi, un po’ come il bird-watching, da determinati punti messi in sicurezza.

È bene ricordare, tuttavia, che il primo passo da compiere per una sana convivenza tra uomo e animale è quello del rispetto e del buon senso; i rifiuti di un picnic attirano gli orsi in cerca di cibo e addentrarsi in un bosco, magari la sera, potrebbe comportare un incontro ravvicinato.

“La questione non è orso sì o orso no – ha spiegato Claudio Groff – ma come gestire la convivenza uomo-orso”.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Considerare l’orso un’attrazione turistica è semplicemente folle. Per quanto mi riguarda l’orso sarebbe da evitare come qualsiasi altro animale pericoloso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *