• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

All’Annapurna per cercare il corpo del padre

Uno dei figli di Park Young-Seok, famoso alpinista coreano scomparso nel 2011, è pronto per tentare di salire l’Annapurna per cercare di trovare suo padre, scomparso sulla montagna. Park e due suoi compagni di cordata sono scomparsi durante il tentativo di apertura di una nuova via sulla parete sud dell’Annapurna, nel 2011, probabilmente travolti da una valanga e risultano   dispersi da allora.

Dopo cinque anni, il figlio di Parco ha deciso di tornare sulla a montagna di 8.000 metri per cercare i corpi.

“Vorrei tenere una cerimonia commemorativa per papà”, ha detto Parco Seong-min, che ha 22 anni, “Ma non mi sentirò deluso se non riuscirò a trovarlo, perché amava l’Annapurna”. Seong-min ha riferito che quando era giovane spesso ha scalato in Himalaya con il padre, non riuscendo però affrontare le alte quote a causa dell’acrofobia: la paura delle altezze e dei luoghi elevati.

Per superare la sua paura delle altezze, Seong-min si è allenato con un gruppo di ricercatori coreani sulle montagne del suo paese. Insieme cercheranno fino alla fine di questo mese di trovare l’alpinista scomparso e i suoi due compagni di scalata, Shin Dong-min e Kang Ki-seok. “Ho paura, ma non sono preoccupata – ha detto la madre – Anche se mio marito non è tornato dal suo ultimo viaggio, ho sempre avuto fiducia in lui”.

Park Young-seok è stato il primo alpinista al mondo a completare la “Explorers Grand Slam”, che consiste nello scalare le Seven Summits, le montagne più alte in ogni continente, e di  raggiungere i Poli Nord e Sud.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *