• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Due escursionisti si fanno soccorrere due volte in tre ore

TARVISIO, Udine – Due escursionisti di 20 anni, uno belga e l’altro di Sondrio, sono riusciti nell’impresa di farsi soccorrere due volte in tre ore dal CNSAS del Friuli Venezia Giulia.

I due stavano effettuando la Traversata carnica, un itinerario tra Italia e Austria, quando martedì sera sono rimasti bloccati su una roccia nella zona di Sella Bartolo. Chiamato il Soccorso Alpino, sono stati tratti in salvo e portati su una pista forestale con la raccomandazione di riprendere le forze prima di proseguire.

I due ragazzi però non hanno ascoltato il consiglio, decidendo di ripartire subito, ma solo un paio di ore dopo proprio a causa dello sfinimento di uno die due, che, sfinito da circa mille metri di ascesa, non riusciva più a muovere le gambe, hanno lanciato l’allarme una seconda volta. Soccorsi nuovamente i due sono stati portati a Tarvisio ed invitati a riposare in albergo, ricevendo pure alcune resistenze, e a riprendere il treno la mattina seguente per Villach dove avevano lasciato l’auto.

 

(fonte messaggeroveneto.it. Foto repertorio)

Articolo precedenteArticolo successivo

4 Comments

  1. C’è da augurarsi che ,a questi “fresconi”, il CNSAS faccia pagare adeguatamente le spese sostenute per il loro doppio soccorso.

  2. adesso a questi due bontemponi gli si fa recapitare a casa una bella fatturina di 1000 euro x il soccorso. Vedrete che la prossima volta ci penseranno prima di fare gli idioti……..

  3. 20 anni sfiniti per 1000 metri di dislivello !!!!! e partono per una traversata di più giorni ? soccorso da pagare al 100%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *